Nuovi dati da SWG e IPR dell'8 gennaio 2015: ecco gli ultimi #Sondaggi politici elettorali su #M5S, PD, Forza Italia e gli altri partiti e sulla fiducia nel premier #Matteo Renzi, calata rispetto alla media del 2014. Iniziamo dalle intenzioni di voto per i partiti rilevate dall'SWG: secondo gli ultimi sondaggi politici il Movimento 5 Stelle risale dal 19,4% della precedente rilevazione (datata 18 dicembre 2014), all'attuale 20,6%; il Partito Democratico sale a sua volta, passando dal 37% al 38,1% dell'8 gennaio 2015. Secondo i sondaggi tanto M5S quanto il PD, comunque, restano al di sotto dei livelli delle Europee dell'anno scorso, quando hanno raccolto rispettivamente il 21,2 e il 40,8 per cento dei consensi.

Pubblicità
Pubblicità

I sondaggi elettorali SWG vedono Forza Italia di Silvio Berlusconi ulteriormente in calo dal 15,1 al 14,1 per cento, con la Lega Nord che passa dal 12 all'11,5 per cento dell'ultimo sondaggio. Per il Nuovo Centrodestra guidato dal ministro Angelino Alfano si registra un calo dal 3,5 per cento al 3,2 per cento delle intenzioni di voto; scende anche Fratelli d'Italia, dal 3,1 al 2,7 per cento, mentre in lievissimo rialzo appare Sinistra Ecologia e Libertà, che passa dal 2,9 al 3 per cento attuale. Scelta Civica appare stabile all'0,8 per cento, secondo l'ultimo sondaggio politico dell'Istituto SWG, che stima Rifondazione Comunista al 2% e i Verdi allo 0,7%; coloro che non si esprimo aumentano dal 46,8 al 49,8 per cento.

Interessanti anche gli ultimi sondaggi politici su Renzi di IPR realizzati per Porta a Porta.

Pubblicità

Il giudizio su Renzi risulta positivo per il 18% degli intervistati, mentre il 27% lo ritiene "Insufficiente, mi aspettavo di più rispetto a ciò che ha realizzato ma nella sostanza non ha operato male", mentre il 53% degli intervistati nel sondaggio su Renzi ha scelto come come risposta alla domanda "Rimandato in primavera, finora non ha fatto molto per migliorare l'Italia". Abbiamo quindi un totale di giudizi positivi o sufficienti del 45% contro il 53% di giudizi che bocciano il premier (il 2% degli intervistati non ha espresso un'opinione). Gli ultimi sondaggi politici IPR su Renzi e il Governo vedono, in sostanza, un calo della fiducia nel premier e nel suo programma di riforme: attualmente al 45%, risultava al 47 a dicembre 2014 e al 50 a novembre 2014, contro una media dell'anno trascorso del 52%. In sostanza, secondo le ultime rilevazioni, gli italiani convinti dall'operato di Matteo Renzi e del suo governo appaiono in diminuzione. Prima di chiudere ricordiamo a chi volesse mantenersi aggiornato sul tema che è possibile cliccare sul tasto Segui presente in alto, al di sopra del titolo dell'articolo.