Nonostante l'evidente difficoltà economica del paese ed i sacrifici finanziari che quotidianamente sopportano i cittadini italiani, ieri 23 gennaio 2015 la #Camera dei Deputati ha bocciato l'emendamento alla riforma costituzionale, proposto da Scelta Civica, per mano dell'Onorevole Andrea Mazziotti, che mirava a ridurre i vitalizi a favore dei parlamentari.

A favore hanno votato soltanto 98 onorevoli, facenti parte del Movimento 5 Stelle, Fratelli d'Italia e Scelta Civica, contrari invece sono stati ben 366 facenti parte delle restanti fazioni politiche. L'emendamento presentato avrebbe prodotto un effetto retroattivo e prevedeva anche la rideterminazione dell'assegno pensionistico per gli ex parlamentari, comprendendo quindi quelli che già lo percepiscono.

Pubblicità
Pubblicità

Se la legge fosse stata approvata, sarebbe stato un forte segnale di cambiamento e di 'sacrificio' economico anche da parte dei politici, ma evidentemente non c'è nessuna intenzione di riformare questo settore.

In questo caso si tratta di un vero e proprio conflitto di interessi dei parlamentari, che quando devono decidere i tagli ai loro stipendi, sistematicamente vengono bocciate tutte le proposte, queste sono le parole del vicepresidente della Camera Luigi Di Maio del Movimento 5 Stelle. Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, ha palesemente dichiarato: 'il Parlamento è incapace di dare un segno di umiltà', i vitalizi dei politici costano allo Stato circa 230 milioni all'anno che vengono divisi tra una lunghissima lista di ex deputati ed ex senatori.

In ogni caso non è la prima volta che una proposta di taglio viene bocciata, l'ultima risale al 21 settembre 2010, quando su proposta di Antonio Borghesi (Italia dei Valori), su 525 onorevoli, solo 22 votarono a favore.

Pubblicità

Lo stesso Mazziotti ha presentato anche un secondo emendamento che estende i tagli dei vitalizi ai consiglieri regionali e verrà esaminato in aula lunedì 26 gennaio, ma anche questo sembra essere destinato alla bocciatura. La Casta è padrona assoluta del suo destino, anche di fronte ad evidenti problemi economici che affliggono il paese ormai da molto tempo.