La commissione Giustizia della Camera dei Deputati, presieduta dalla parlamentare del Partito democratico Donatella Ferranti, ha approvato ieri (3 febbraio) il decreto legislativo sulla non punibilità dei reati lievi, o sulla tenuità di fatto, conosciuto anche più semplicemente noto come il decreto sulla depenalizzazione dei reati.Mentre in commissione Giustizia del Senato della Repubblica, presieduta dal senatore di Forza Italia Francesco Nitto Palma, riprende la discussione sui ddl per amnistia e indulto 2015.

Giustizia, depenalizzazione reati: ok al decreto del Governo Renzi

La commissione ha dato l'ok al parere favorevole formulato del relatore del provvedimento del #Governo Renzi, il deputato David Ermini, responsabile giustizia del Partito democratico.

Pubblicità
Pubblicità

Il decreto legislativo predisposto dal ministro della Giustizia, Andrea Orando, prevede la non punibilità di reati occasionali e di lieve entità sanzionati con pena massima fino a cinque anni di carcere o esclusivamente pena pecuniaria. In ogni caso, la decisione finale, che verrà presa caso per caso, spetterà al giudice il quale necessariamente dovrà tenere conto delle parti civili e delle parti lese in un procedimento penale, ovvero dovrà valutare la possibile opposizione alla non punibilità dei colpevoli da parte delle vittime del reato ai quali verranno garantiti tutti i diritti previsti dall'attuale ordinamento. L'avvenuta assoluzione per lievità del reato commesso, secondo le disposizioni contenute nel decreto legislativo non pregiudica il risarcimento del danno in sede civile. Tuttavia la commissione Giustizia di Montecitorio, nel parere approvato ieri, ha fissato alcuni paletti restrittivi: non potrà essere considerato tenue un reato connotato da motivi futili, crudeltà, sevizie a danni di persone e animali.

Pubblicità

Non potrà beneficiare del decreto chi è recidivo a commettere certi reati o chi reitera gravi reati come l'omicidio colposo.

Amnistia e indulto 2015 di nuovo all'esame della commissione Giustizia del Senato

Dopo la legge sulle pene alternative e la messa in prova ai servizi sociali, il decreto svuota carceri con sconti di pena e risarcimento in denaro per i detenuti, nuovo norme che rendono più stringente l'applicazione della custodia cautelare in carcere (carcerazione preventiva), accordi internazionali per il rimpatrio dei detenuti straneri, anche il decreto sulla non punibilità dei reati tenui si inserisce tra le misure messe in campo dal Governo Renzi contro il sovraffollamento carceri, mentre si resta in attesa di possibili provvedimenti straordinari come #indulto e #amnistia che sono di competenza parlamentare. Novità sono in arrivo in questa prima settimana di febbraio 2015. I disegni di legge per la concessione di amnistia e indulto, che erano stati accantonati lo scorso dicembre, sono stati reinseriti nel calendario dei lavori della commissione Giustizia del Senato della Repubblica già a partire da questa prima settimana di febbraio.

Pubblicità

Su amnistia e indulto 2015 si resta ancora in attesa di conoscere la posizione del nuovo Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che già nel 2006 in Parlamento votò sì alle misure di clemenza.