#Matteo Salvini arriva in Sicilia e si scusa con i "terroni". Solita mossa elettorale, o presa di coscienza delle esagerazioni fatte e dette in tutti questi anni nei confronti dei cittadini nati al Sud? Nessuno lo saprà mai con certezza visto il clima politico rovente che sta vivendo l'Italia. Dopo aver affrontato le "forche caudine" a Napoli, notevole lo spiegamento di forze dell'ordine per assicurare l'incolumità del politico. Essere sbarcato a Roma, grazie al fondamentale aiuto di CasaPound, non basta al massimo esponente del partito del Nord. Nei giorni scorsi è atterrato a #Palermo dove arringherà la folla, non più di qualche centinaio di persone, che fanno da controaltare alle altre che sono scese in Via Roma chiedendo a Salvini di andarsene in quanto non degno di calpestare il suolo siciliano, dopo tutte le offese pubbliche rivolte al popolo siculo, sempre secondo i manifestanti.

L'accusa dei manifestanti è racchiusa in uno slogan: "Orgoglio terrone".

Pubblicità
Pubblicità

Rispondono così i siciliani alle accuse di Salvini e delle Lega Nord generalizzate a tutti gli abitanti, individuati come "mafiosi", "ingestibili" e abituati al malaffare. Le accuse non si limitano solo a ciò. Matteo Salvini deve rispondere, a chi lo contesta e lo ha contestato finora nelle città del centro e del sud, del fatto che arrivi solo ora in cerca di voti. La Trinacria non può essere ridotta ai soliti slogan bossiani, ripetono i contestatori sventolando fieri le bandiere della loro terra.

Matteo Salvini risponde ai giornalisti, come riportato da Repubblica, in maniera abbastanza vaga e chiedendo scusa ai "terroni" , ma difendendo le proprie posizioni e quelle di chi lo ha preceduto. La frase, abbastanza fuori luogo, fatta dal leader del movimento politico secessionista, esprime la convinzione che nell'isola qualcuno guadagni tanti bei soldi sfruttando l'imigrazione clandestina.Come se ciò che accadesse a Palermo, o nello specifico a Lampedusa, e non riguardasse la politica nazionale.  Forse per Salvini è giunta l'ora di non generalizzare ancora, altrimenti invece che acquisire elettori, rischia di perderli, con tanto di magra figura.

Pubblicità



#Elezioni politiche