C'è da rimanere basiti a leggere gli ultimi #Sondaggi politici elettorali Swg di oggi 27 febbraio 2015. A quanto pare, secondo le intenzioni di voto elettorali, #Forza Italia avrebbe raggiunto il #M5S, mentre il PD torna quasi ai livelli del risultato ottenuto alle elezioni europee 2014. In calo tutti gli altri partiti di Centrodestra: Lega Nord, NCD-UDC e Fratelli d'Italia-An. A rafforzare la coalizione di Centrosinistra c'è anche SEL che guadagna quasi l'1%.

Sondaggi politici oggi 27 febbraio 2015: intenzioni elettorali SWG

Entrando nel dettaglio percentuale e segnalandone la variazione rispetto alle intenzioni di voto Swg della scorsa settimana, il PD al 40,2% sale dello 0,8% e si avvicina a quel 40,8% ottenuto alle elezioni europee del 25 maggio 2014.

Pubblicità
Pubblicità

In netto calo il M5S al 16,1%; la diminuzione dei consensi è pari allo 0,7%. Forza Italia, invece, crescendo dello 0,2% arriva al 16,1%, raggiungendo per la prima volta nei sondaggi elettorali successivi alle elezioni Politiche 2013, il Movimento di Grillo. Scende la Lega Nord al 12,0% perdendo lo 0,3%. Impennata di SEL che con il 3,5% cresce dello 0,9%, anche se resta alle spalle dell'area popolare NCD-UDC che al 3,9% perde lo 0,3%. In discesa dello 0,3% anche FDI-AN che si attesta al 2,4%. E' stato stimato anche il nuovo partito di Passera Italia Unica che, però, si ferma all'1,0%, un dato simile a Rif.Com. al 1,1% e ai Verdi allo 0,9%. Cresce il partito del non voto che passa dal 46,5% al 48,8%.

Una spiegazione plausibile alla rimonta di Forza Italia (tra l'altro in crisi a causa della battaglia Berlusconi-Fitto) sul Movimento 5 Stelle non c'è.

Pubblicità

In realtà questo scenario politico appare utopistico specialmente se si vanno a consultare tutti gli altri sondaggi politici elettorali di questa settimana, dove la forza politica di Berlusconi viene indicata molto indietro e addirittura in quasi tutte le stime elettorali, alle spalle anche della Lega Nord. Sovrastimato rispetto ai dati degli altri sondaggisti anche il Partito Democratico che nessun istituto rileva oltre il 40,0%.