Una decisione della Corte d'appello ha creato una situazione senza precedenti in Irlanda, legalizzando, di fatto, il possesso di droghe pesanti come l'ecstasy, la ketamina, i funghi allucinogeni, le benzodiazepine e le metanfetamine. Il tutto è accaduto ieri, martedì 10 marzo, quando l'organo di giustizia ha dichiarato incostituzionale una parte della legge sulle droghe del 1977, in quanto sarebbe stata approvata senza essere sottoposta al voto del parlamento. Di conseguenza, tutta una serie di sostanze che sono state proibite dal 1977 ad oggi attraverso nove decreti del governo sono divenute legali, visto che l'incostituzionalità della legge del 1977 ha fatto decadere tutte le leggi istituite successivamente che si appoggiavano sul corpus della prima.

Pubblicità
Pubblicità

Ciò non riguarda altre sostanze come l'eroina, la cocaina e la cannabis, perché le leggi che riguardavano queste droghe erano già state promulgate ben prima di quella incriminata.

Al momento, siamo già al secondo giorno consecutivo nel quale il possesso delle suddette droghe è legale. Restano comunque illegali la vendita, l'acquisto, l'importazione o l'esportazione delle stesse sostanze, materie regolate da altri provvedimenti legislativi. La camera bassa del parlamento si è comunque riunita quest'oggi nel tentativo di porre rimedio all'anomalia legislativa che si è venuta a creare dopo la sentenza della Corte d'appello: già questa mattina, i deputati hanno formulato un nuovo testo per andare a coprire le lacune lasciate dall'invalidazione della legge del 1977. Questo dovrà essere successivamente approvato dalla camera alta e poi firmato dal presidente della Repubblica d'Irlanda, Michael D. Higgins, per poter entrare in vigore.

Pubblicità

Dopo che l'iter legislativo sarà completato, e l'uso delle droghe momentaneamente "liberalizzate" tornerà ad essere illegale, il governo proporrà anche un nuovo provvedimento che renda possibile il divieto dell'uso di droghe attraverso dei decreti legislativi, proprio come previsto in precedenza dalla legge del 1977. Nella situazione attuale, invece, le due camere parlamentari dovrebbero essere chiamate ad esprimersi per ogni nuova sostanza da bandire, allungando quindi i tempi ed aumentando i lavori a carico dell'organo legislativo.