Sono fissate per il prossimo 28 marzo le elezioni più importanti per il continente africano. Saranno 70 milioni (su una popolazione di 170 milioni) i nigeriani chiamati al voto. Attualmente, 19 milioni di persone non hanno ritirato la scheda elettorale principalmente per paura di attentati. Boko Haram, il gruppo terroristico che controlla alcuni territori nel nord est del paese, arretra ma continua a minacciare attentati per influenzare il voto. Le elezioni arrivano in un momento delicatissimo per la Nigeria. Il paese è letteralmente spaccato in due, il sud, ricco e cristiano gode di crescita economica ed è la prima economia del continente africano.

Pubblicità
Pubblicità

Il nord è povero, arretrato, la popolazione è in maggioranza di religione mussulmana e in alcune zone vige la Sharia. Il nord est del paese poi, gli stati di Borno e Yobe sono controllati e occupati dai terroristi di Boko Haram che lo scorso agosto hanno proclamato un califfato. All'inizio dell'anno, per contrastare Boko Haram, è stata creata una forza multinazionale con i militari provenienti da Nigeria, Ciad, Camerun e Niger. Le forze militari hanno ottenuto importanti risultati, i miliziani hanno subito pesanti perdite di uomini e territori. Attualmente i due terzi dei territori prima controllati da Boko Haram sono tornati liberi. Boko Haram arretra e perde forza, ma continua a lasciare dietro di sé vittime e distruzione. Una carneficina di donne è stata scoperta pochi giorni fa dai militari nigeriani nel villaggio di Bama, nello stato del Borno.

Pubblicità

I militari hanno ritrovato decine di corpi di donne, parzialmente mummificati. Le donne probabilmente sono le mogli-schiave dei terroristi, i miliziani, sentendo l'esercito nigeriano vicino le hanno trucidate per evitare che si risposassero , per preservarne la purezza.

L'attuale presidente nigeriano, Goodluck Jonathan ha affermato che Boko Haram sarà sconfitto, è questione di uno e due mesi. Ma per molti nigeriani, compresa la comunità internazionale, Jonathan è colpevole di aver sottovalutato il pericolo Boko Haram e di aver avviato la controffensiva militare solo per propaganda elettorale. Il cristiano Goodluck Jonathan infatti, è nuovamente candidato alla presidenza della Nigeria e l'astensionismo potrebbe avvantaggiarlo. Il suo principale sfidante sarà un ex membro della dittatura militare, Muhammadu Buhari, mussulmano. Anche Barack Obama, nell'imminenza delle elezioni ha voluto sostenere il popolo nigeriano che si recherà al voto con un video messaggio. Il presidente americano ha affermato che, al momento, il principale ostacolo alla democrazia in Nigeria è rappresentato dai terroristi di Boko Haram.

Pubblicità

"Sono colpevoli di di aver ucciso uomini, donne e bambini innocenti e di aver rapito centinaia di giovani allontanandoli dalle loro famiglie oltre ad aver costretto migliaia di persone a scappare dalle loro case", ha detto Obama. Anche se indeboliti e sconfitti, i miliziani continuano a rappresentare la prima minaccia per le elezioni e per la giovane democrazia nigeriana.

#Esteri #terrorismo