Dopo 15 giorni dalla precedente rilevazione, arriva l'appuntamento con i #Sondaggi politici elettorali Lorien che riguardano le intenzioni di voto che ci rivelano come la Lega stia aumentando il vantaggio su Forza Italia, con il PD che sale bene e il #M5S che prede consensi.

Esamineremo anche le opinioni degli italiani sulla manifestazione della #Lega Nord a Roma, sulla situazione internazionale, tra ISIS, conflitto Ucraina-Russia e Grecia-UE. Inoltre su un possibile intervento dell'Italia in Libia, la fiducia nel futuro e sul Governo Renzi, e non ultimo il giudizio sul Jobs Act.

Ultimi sondaggi elettorali Lorien inizio marzo 2015: le intenzioni di voto

Il Partito Democratico aumenta i suoi consensi del 1% raggiungendo il 39,0%, in 2 settimane si tratta di un dato molto positivo.

Pubblicità
Pubblicità

prima di Mattarella la parabola era discendente. Tuttavia ci sono altri sondaggi politici elettorali che stimano il PD in percentuale molto diversa e con un andamento ben diverso.

Il Movimento 5 Stelle ormai in un trend calante, perde lo 0,5% scendendo al 17,5%. Sarà proprio per questo che è notizia recente che Grillo abbia lasciato intendere un possibile dialogo su Rai e reddito di cittadinanza con il Governo.

La Lega Nord guadagna e contestualmente perde Forza Italia. Ormai il partito di Salvini pare incontrare sempre di più l'esigenza dei cittadini, mentre quello di Berlusconi pare essersi arenato nei dissidi interni. Ad oggi i sondaggi elettorali Lorien vedono la Lega in aumento dello 0,5% e che viene indicato al 15,0% con FI che perde addirittura l'1% e crolla al 12,5%.

Gli altri partiti politici sondati sono in parte in lotta per l'obiettivo soglia di sbarramento del 3% prevista dall'Italicum.

Pubblicità

SEL e l'area popolare NCD-UDC vengono stimati al 4,0% e risultano entrambi stabili. In calo Fratelli d'Italia-An al 2,5% che perde uno 0,5% che lo porterebbe fuori dalla Camera. La Destra e Scelta Civica sono allo 0,5%, Rif.Com+Verdi al 1,5%, Altre liste 3,0.

Sondaggi politici elettorali Lorien inizio marzo 2015

Sulla manifestazione della Lega Nord tenutasi a Roma, solo il 18% degli italiani è concorde sui contenuti, ma c'è un 23% che la giudicano positiva mentre il 77% ne ha sentito parlare. Se sia stata un successo per Salvini, il 23% dice SI, il 48% NO, non si esprime il 29%.

Per quanto concerne la situazione internazionale, la presenza dell'ISIS in Siria, Iraq e Libia, preoccupa molto il 66% degli italiani, il 42% lo è altrettanto sul conflitto ucraino-russo. Preoccupano abbastanza ma non molto le tensioni tra la Grecia e la UE e il ruolo dell'Italia in Europa. Il giudizio sulla politica estera del Governo è condivisa dal 46%.

Il 36% degli intervistati giudica in modo positivo il Jobs Act, ma il grande problema è che il 53% l'ha capito poco o nulla, fra coloro che ne sono informati, solo il 5% dichiara di saperne molto.

Pubblicità

Da segnalare che la riforma dell'art.18 è quella che piace meno di tutti gli altri provvedimenti, tra cui il più apprezzato è quello che riguarda la conciliazione dei tempi tra vita privata e lavoro (maternità, paternità, tutele adozioni e affini).

Gli italiani sono contrari ad intervenire in Libia militarmente, lo pensa il 74%, il 22% è d'accordo ma solo il 3% di loro lo vorrebbe fortemente. Il 54% vuole che l'Italia intervenga ma tramite un'azione esclusivamente diplomatica. Chiudiamo dicendo che la fiducia nel futuro in un mese è scesa del 3%, al contrario è aumentata del 3% il giudizio positivo sul Governo.