La Segretaria di Radicali Italiani Rita Bernardini è in sciopero della fame da oltre un mese per protestare contro la pessima condizione delle carceri italiane, i cui detenuti continuano a vivere in situazioni disumane. Lo confermano a tal proposito i dati del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria secondo il quale, alla data del 31 marzo 2015 i detenuti presenti negli istituti di pena italiana avrebbero ripreso a crescere, terminato l'effetto dei vari decreti e provvedimenti di sovraffollamento: sarebbero infatti 54.122 le persone rinchiuse nei vari istituti di pena del Paese.

Sono ben 58 su 200 i penitenziari con oltre il 130% di sovraffollamento

La fotografia della Giustizia italiana continua ad essere tutt'altro che positiva anche nel primo trimestre del 2015.

Pubblicità
Pubblicità

Apprendiamo infatti che i detenuti ancora attendono di essere giudicati sono il 27,6% pari a quasi 20.000 persone. Tra di essi, poco più di 9.500 unità sarebbero ancora in attesa del primo giudizio. Passando al sovraffollamento carceri, la situazione non risulta affatto migliorata: 58 carceri su 200 hanno infatti il 130% di detenuti in più rispetto alla regolare capienza della struttura. Su tutti la Casa Circondariale di Udine con il 200% di persone oltre il consentito, San Vittore si ferma (se così si può dire) al 182% mentre il Regina Coeli arriva al 178%.

Il numero degli stranieri continua ad essere molto alto (anche se in lieve calo rispetto al 2010) con circa 18.000 unità, pari al 32,5% del totale mentre si lamenta l'insufficienza di psicologici, educatori e un sistema medico adeguato per chi è affetto da gravi malattie oltre che per i tossicodipendenti, che continuano ad essere circa il 30% della popolazione carceraria.

Pubblicità

#amnistia e #indulto 2015: Rita Bernardini promuove ancora i due provvedimenti

Lo sciopero della fame di Rita Bernandini ha ancora una volto lo scopo di promuovere i provvedimenti di amnistia e indulto, seguendo l'esempio del messaggio alle Camere dell'ormai ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. La Segretaria di Radicali Italiani vuole inoltre protestare contro "la debacle della giustizia incostituzionalmente lunga" nella quale i procedimenti pendenti (solo a livello penale) sono circa quattro milioni e mezzo. La speranza è che finalmente il Governo Renzi possa dare il giusto peso alla grave situazione del sovraffollamento carceri anche se, considerando come sono andate le cose nell'ultimo anno, è difficile pensare a sorprendenti novità da questo punto di vista.  #Matteo Renzi