I sindaci di molte città italiane sono in rivolta a causa dell'approvazione del documento di Economia e finanza che si sta svolgendo in queste ore al consiglio dei ministri. Sono infatti previsti diversi tagli alla spesa pubblica per ulteriori dieci miliardi, ma i sindaci hanno dichiarato: "Siamo sempre noi alla fine a pagare". Domani comunque ci sarà un'altra battaglia tutta interna al Partito Democratico di #Matteo Renzi, ossia quella sulla riforma elettorale. I sindaci sono sul piede di guerra ed hanno chiesto impetuosamente a Renzi un incontro urgente prima che il governo tracci le linee guida della manovra. I primi cittadini hanno affermato: "Il documento di Economia e finanza tiene conto di parametri previsionali e se l'Italia non dovesse crescere secondo le stime finali, saranno i comuni, come ogni anno, a pagarla".

Pubblicità
Pubblicità

Governo ed amministratori locali, urge muoversi insieme

"Bisognerebbe trovare in concordia, governo ed amministrazione locale, una soluzione anticipata" ha spiegato ai giornalisti durante una lunga intervista, il sindaco di Torino e presidente dell'Associazione Comuni Italiani Piero Fassino. Quest'ultimo ha puntato il dito contro i ministeri, Lì infatti ci sono le responsabilità maggiori della spesa pubblica, perchè i trasferimenti dello stato ai territori sono ormai a zero e la spending review, per i più importanti dicasteri romani, è stato solo un annuncio. Per il sindaco Fassino si tratta di una vera emergenza: "Ora come ora-dice il sindaco di Torino-gli amministratori locali devono contribuire al risanamento del paese tagliando anche sui servizi essenziali, come i servizi sociali".

Pubblicità

Tra le proposte sul tavolo del governo, anche eventuali tagli per le neonate città metropolitane, entità che hanno ereditato responsabilità importanti, come la manutenzione di scuole e di strade.

Il sindaco di Roma Igrazio Roberto Maria Marino ha proposto una tassa sui transiti aeroportuali di due euro, da usare per la cura del manto stradale. Ai sindaci non è bastato essere ricevuti a Palazzo Chigi, per discutere di distanziamenti e non di tagli, ma hanno preteso anche una maggiore autonomia. Sempre Fassino ha puntualizzato: "Lo stato stabilisce ogni anno i macro-obiettivi, come realizzarli lo si lasci a noi, siamo stufi di tagli da dirigenti che non hanno amministrato neanche un condominio". Intanto le truppe del #Pd si sono schierate: Renziani da una parte, Bersaniani e compagnia dall'altra. Il terreno dello scontro è quello della riforma della legge elettorale, che domani tornerà in commissione alla Camera. Quì la minoranza dem può contare su un notevole numero di combattenti, che punta a farsi sentire ancor prima di arrivare in aula, da Bersani a Cuperlo, passando poi per Bindi. Renzi è stato chiaro: "Il treno dell'Italicum è destinato ad arrivare al capolinea senza fermate intermedie". Il premier conta di arrivare all'approvazione definitiva entro fine Maggio.

#Camera dei Deputati