Gli ultimi sondaggi Regionali 2015 sono stati messi sotto la lente di ingrandimento dell'istituto Demopolis, ma anche in base alle intenzioni di voto precedenti di altri istituti, quali sono i scenari politici che si presentano nelle 7 regioni in cui si voterà il 31 maggio? Cerchiamo di fare un po' di chiarezza, in attesa che siano completate le liste dei consiglieri regionali, previste per fine aprile.

Ultimi Sondaggi politici elettorali regionali: caos in tre regioni su sette

Vediamo dunque la situazione aggiornata con i sondaggi Regionali 2015, ricordando che si voterà in Campania, Veneto, Liguria, Umbria, Marche, Puglia e Toscana, e che solo la regione Veneto è guidata da un Governatore di centrodestra.

Pubblicità
Pubblicità

Partiamo però dall'affluenza prevista. Se si votasse oggi, solo il 37% degli elettori aventi diritto sarebbe certo di recarsi alle urne. Il 18% afferma che probabilmente ci andrà, ma che potrebbe anche cambiare idea, il 45% al momento afferma di astenersi. È ormai noto, che in Toscana Enrico Rossi del #Pd non avrà problemi ad essere rieletto visto un vantaggio di circa il 20% sull'avversario più vicino. Dorme tranquillo anche il sindaco di Bari, Michele Emiliano che ha circa 10 punti di vantaggio per la Puglia, e visto il caos e la spaccatura del centrodestra, non è ipotizzabile credere a capovolgimenti di fronte. Stesso discorso per la carica di governatore della regione Umbria, Katiuscia Marini vola verso l'elezione. Anche nelle Marche il candidato di centrosinistra PD, Luca Ceriscioli, risulta avere una decina di punti di vantaggio sull'ex pieddino Spacca, governatore uscente passato al centrodestra e per cui il PD ha chiesto un passo indietro invano.

I sondaggi regionali di Demopolis, segnalano che per elezioni in Campania, De Luca è in leggerissimo vantaggio su Caldoro di circa l'1%, governatore uscente di centrodestra, questa potrebbe essere la disfatta definitiva per Berlusconi e alleati, ma c'è da tenere conto che l'ex sindaco di Salerno, un secondo dopo la presunta elezione, potrebbe decadere per effetto della legge Severino, tutto da vedere.

Pubblicità

Per il Veneto, sembra che Luca Zaia (Lega Nord) sia in vantaggio su Alessandra Moretti del PD, la candidata di centrosinistra era stimata molto vicina al governatore uscente di centrodestra (1-2 punti), probabilmente con un 38-39% contro 36-37%. C'è da dire che ufficialmente FDI-AN ha appoggiato ufficialmente Zaia, compatta con Forza Italia e la linea della Lega, un sondaggio politico (scenaripolitici) indica il candidato di CDX nettamente avanti invece. Tosi se la gioca con Berti del M5S, al momento sembrerebbe in vantaggio con l'11-12% dei consensi, proprio quest'ultimo.

Concludiamo con la Liguria, qui il caos regna sovrano. Raffaella Paita del PD nonostante l'avviso di garanzia ricevuto e gli scandali delle primarie, risulta essere ancora favorita su Giovanni Toti (FI), ma si parla di 1-2 punti. Molto bene però anche la candidata del Movimento 5 Stelle che potrebbe addirittura sovvertire i pronostici, a seguire Luca Pastorino di Rete a Sinistra, che resta ben al di sotto del 20%.

Pubblicità

#Sondaggi politici #Elezioni Amministrative