Negli ultimi #Sondaggi politici elettorali Piepoli, effettuati e commissionati dal sito Ansa che li ha pubblicati oggi, martedì 14 aprile 2015, da notare nelle intenzioni di voto, la crescita del #M5S e del PD. Se questa tendenza per il Movimento di Grillo non è una novità, sorprende quella del Partito Democratico che registrava un forte calo nel sondaggio elettorale di ieri divulgato su La7. Al minimo storico #Forza Italia invece, ancora in calo, perde consensi anche Sel, ma entriamo nel dettaglio.

Sondaggi elettorali politici 14/04: su M5S e PD, minimo storico per Forza Italia

Secondo le intenzioni di voto Piepoli per Ansa del 14 aprile 2015, il PD sale nei consensi al 38,5%, salendo di mezzo punto.

Pubblicità
Pubblicità

Tocca quota 20% il Movimento 5 Stelle, anch'esso in crescita dello 0,5%, ma come anticipavamo prima, in coerenza con molti altri sondaggi elettorali: per il PD si tratta invece di una sorpresa, soprattutto per il caos continuo che attraversa l'interno del partito e il tanto contestato operato del Governo Renzi. La Lega Nord sembra aver terminato da qualche settimana la sua avanzata. Anche oggi, resta stabile al 14,5%, resta una chimera per adesso l'avvicinamento al M5S, ma si allarga il vantaggio sul competitor di centrodestra, ovvero Forza Italia che con il suo 10,0%, in calo dello 0,5%, collassa in una crisi che ormai sta coinvolgendo e mettendo a rischio anche un cappotto nelle Regionali 2015, specie in Campania dove si punta sul governatore uscente Caldoro, che al momento potrebbe perdere le elezioni a favore del candidato di centrosinistra De Luca.

Pubblicità

L'esito dei sondaggi politici elettorali riguardo i partiti minori che puntano al raggiungimento o superamento della soglia di sbarramento del 3%, vede SEL perdere mezzo punto e scendere al 4,5%, stabile Fratelli d'Italia-An al 4,0%, sempre in bilico Area Popolare, ovvero l'alleanza Ncd-Udc che rimane ferma al 3,0%. Alla voce altri partiti viene indicato uno stabile 4,0%. Resta ben superiore al 10% la differenza tra la coalizione del centrosinistra e quella del centrodestra, ma la domanda è: che senso ha parlare di ciò, se la nuova legge elettorale Italicum va verso il premio alle liste?