Il Consiglio dei Ministri, dopo un incontro durato circa un'ora e mezzo avvenuto questa mattina, ha approvato il decreto relativo al rimborso delle #Pensioni, dopo la sentenza della Corte Costituzionale che, il 30 aprile scorso, ha sancito lo sblocco delle indicizzazioni delle pensioni relative agli anni 2012-2013. Il premier Matteo Renzi, come aveva già anticipato nel pomeriggio di ieri, durante la trasmissione L'Arena condotta da Massimo Giletti, ha spiegato durante la conferenza stampa che 'il primo agosto, 2 miliardi e 180 milioni di euro saranno rimborsati a 3,7 milioni di pensionati'. La copertura delle risorse economiche arriverà essenzialmente dal 'tesoretto' che si è determinato tra il deficit programmatico e quello tendenziale, secondo quanto specificato dal quotidiano on line repubblica.it.

Pubblicità
Pubblicità

Importo una tantum per il rimborso dei pensionati interessati

Sono stati esclusi dal rimborso una tantum circa 650mila pensionati, cioè quelli che usufruiscono di un assegno pensionistico superiore ai 3.200 euro lordi al mese. 'Il decreto approvato in Consiglio dei Ministri è un segnale importante ai mercati internazionali. Non c'è alcuna tensione preelettorale'. Per quanto riguarda le pensioni, il premier Renzi ha anticipato che ci saranno alcune novità nella Legge di Stabilità 2016. Ma quale sarà il meccanismo di rimborso?

E' previsto anche un meccanismo di indicizzazione rispetto agli anni precedenti

'Il bonus sarà di 750 euro per gli assegni pensionistici da 1.700 euro lordi mensili, 450 euro per le pensioni da 2.200 euro e da 278 euro per gli assegni da 2.700 euro', specifica il premier Renzi.

Pubblicità

A questi rimborsi si aggiungeranno, inoltre, le rivalutazioni degli assegni pensionistici. Solo per fare qualche esempio, i pensionati con una pensione da 2.200 euro lordi usufruiranno di una rivalutazione di 99 euro l'anno mentre chi ha un assegno pensionistico da 1.700 euro avrà un aumento di 180 euro annuali. Il titolare del dicastero dell'Economia, Pier Carlo Padoan ha, infine, specificato che 'a partire dal 2016, ci sarà un meccanismo di indicizzazione automatico rispetto agli anni precedenti allo scopo di rispettare quanto sancito dalla Corte Costituzionale'. #Governo