"Votate Paolo", è ciò che afferma #Silvio Berlusconi ieri sera a Segrate, comune del milanese in cui domenica si terranno le elezioni comunali, ma Paolo Micheli è il candidato del centrosinistra, e cosa ancor più strana è che Paolo è proprio in quella piazza, insieme a tutti i suoi sostenitori.

Passeranno ancora oltre cinque minuti prima che Silvio Berlusconi capisce di aver fatto un immenso errore, è andato alla festa sbagliata e ha suggerito ai giovani di votare per il candidato dello schieramento avversario.

#Elezioni politiche #Politica Milano

Silvio Berlusconi sbaglia festa nel Milanese e invita a votare per il candidato di centrosinistra



A raccontare il clamoroso errore dell'ex premier è proprio il candidato a primo cittadino del centrosinistra e attuale consigliere regionale Paolo Micheli, che ha subito riportato la gaffe sui social. Ironicamente sul suo profilo Facebook ha scritto: 'Dopo l'endorsement del Cavaliere posso dire che è fatta'.

La notizia, subito riportata da Repubblica, ha subito fatto il giro del web.

Silvio Berlusconi doveva recarsi al PalaSegrate, dove era in corso la festa di chiusura della campagna elettorale di Tecla Fraschini, candidata sindaco appoggiata dal partito 'Forza Italia' e invece a causa di tanta confusione si è ritrovato per gli stand della Street Fest, organizzata dalla lista civica 'Segrate Nostra', politicamente schierato con il centrosinistra.

Il racconto dettagliato della gaffe di Silvio Berlusconi a Segrate



Sono arrivate un po' di auto, e da una di esse è sceso Silvio Berlusconi insieme alla sua scorta, racconta Micheli. L'ex premier ha girato per gli stand della festa che sosteneva il candidato del centrosinistra, e ha iniziato a parlare con un gruppo di ragazzi ai quali ha chiesto il nome del candidato. Alla risposta dei ragazzi Silvio Berlusconi ha esclamato: 'allora votate Paolo domenica!'.

Increduli i giovani si son messi a scattare foto, e Berlusconi, resosi conto qualche minuto dopo che il candidato di centrodestra era una donna, ha capito di stare alla festa sbagliata e tra l'imbarazzo si è ritirato.