Domenica prossima in diverse regioni si terranno le elezioni amministrative, per rinnovare l'assise del consiglio regionale e il relativo governo. Tra le regioni coinvolte c'è la Campania, dove i candidati sono cinque: Vincenzo De Luca, per il centro-sinistra; Stefano Caldoro, Governatore uscente, per il centro-destra; Valeria Ciarambino, per il Movimento cinque stelle; Marco Esposito per il movimento Mo'; Salvatore Vozza, candidato di Sinistra Ecologia e Libertà. Super favorito resta il primo, il Sindaco di Salerno, contro il quale c'è però una polemica relativa al fatto che ha una condanna in primo grado per abuso d'ufficio e pertanto decadrà il giorno dopo l'investitura elettorale.

Pubblicità
Pubblicità

Sebbene poi il ricorso al TAR lo rimetterà al suo posto. Anche queste elezioni si presentano comunque bizzarre, con manifesti elettorali pittoreschi. Ma la candidata del Movimento cinque stelle, Ciarambino, è andata oltre, con il suo curriculum online che ha suscitato l'ilarità del web per un particolare.

Ha salvato un capitone

Come riporta Libero, qualche tempo fa Il Mattino di Napoli ha pubblicato una scheda con le sue generalità, passioni e obiettivi. La scheda includeva vari tratti personali: età, stato civile, titolo di studio, voto, reddito, la canzone della gioventù, l'automobile, il calciatore preferito, la vacanza preferita, i politici a cui si ispira, il piatto preferito, la poesia preferita, il ricordo più bello della sua vita e anche gli "animali domestici".

Pubblicità

In questa sezione la Ciarambino ha ben pensato di raccontare un aneddoto della sua vita: ama in particolare i cani, ma racconta anche di aver salvato un capitone dal suo tragico destino natalizio. Anzi, lo avrebbe tenuto in una bacinella per mesi, allevandolo e accudendolo. Volendo così sottolineare la sua sensibilità, pure smodata, nei confronti degli animali. Valeria Ciarambino è peraltro anche una dipendente dell'odiatissima Equitalia. Ma questo in campagna elettorale non sta emergendo. Meglio raccontare del capitone. #Elezioni politiche #M5S #Politica Napoli