Il 31 maggio si vota per le elezioni regionali 2015, oggi 15/05 è l'ultimo giorno utile per la pubblicazione dei #Sondaggi politici, e noi vi presentiamo le intenzioni di voto odierne degli istituti Ixè e Swg. La novità inattesa è data da Swg che per la prima volta stima Forza Italia non più davanti alla #Lega Nord, ma alla pari dopo un recupero del partito di Salvini indicato nella misura dell'1,6% in una sola settimana.

Sondaggi politici elettorali al 15 maggio 2015 a confronto 

Durante la trasmissione Agorà di oggi, sono state presentate le intenzioni di voto Ixè. Il PD registra un netto calo pari allo 0,7% che fa scendere il partito di Renzi al 36,2% dei consensi.

Pubblicità
Pubblicità

Sale invece il #M5S di uno 0,2% che lo proietta al 19,9%, dato che resta comunque, uno dei bassi dei tanti e ultimi sondaggi elettorali. In rialzo di due decimali anche la Lega Nord che sale al 13,8%, mentre rimane molto distante, anzi si allontana Forza Italia che perdendo mezzo punto, scende all'11,3%. Tra le forze politiche minori, Area Popolare sale al 3,9% e raggiunge Fratelli d'Italia-An che invece cala dello 0,1%, pare che l'aumento dei consensi sia dovuto prettamente al rialzo di NCD, infatti risulta stabile UDC.

Secondo le intenzioni di voto Swg, la Lega Nord registrando un aumento di consensi dello 0,9% è salito al 13,9%, raggiungendo Forza Italia che invece ha registrato un calo dello 0,7%. L'istituto Swg, resta tuttavia ancora l'unico che non stima la Lega sopra FI, ma la tendenza sembra andare nella direzione del sorpasso.

Pubblicità

Il Partito Democratico perde addirittura 1 punto in soli 7 giorni, e scende al 37,5%, arriva al 18,2% il Movimento 5 Stelle che sale dello 0,3%. FDI-AN cresce dello 0,1% e arriva al 3,9% mentre SEL crolla al 3,7%, perdendo lo 0,3%. In calo di un decimale NCD-UDC che scende al 3,1%, molto vicino alla soglia di sbarramento prevista dalla legge elettorale Italicum.

Restate aggiornati con il tasto segui, entro la mezzanotte saranno pubblicati gli ultimi sondaggi elettorali che mettono a confronto le intenzioni di voto di molti istituti che hanno reso noto i loro dati durante questa settimana, l'ultima prima dello stop.