Si sono svolte nella giornata di ieri, le elezioni in Gran Bretagna per il rinnovo della house of commons, che hanno visto trionfare anche questa volta il premier uscente David Cameron, leader del partito conservatore. David Cameron guida il partito conservatore dal 6 dicembre 2005, in seguito alle dimissioni del suo predecessore Micheal Howard.

Elezioni 2010

Alle elezioni del 2010 il partito aveva ottenuto il 36,1% di voti, tuttavia non riuscendo ad ottenere la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento e costringendo Cameron ad un accordo con i liberal-democratici di Nick Clegg, per andare così a formare un governo di coalizione. Era l'11 maggio 2010 quando il leader del partito laburista ed allora Primo ministro inglese Gordon Brown dava le dimissioni e Cameron veniva invitato dalla regina Elisabetta II a Buckingham Palace per accettare l'incarico di formare un nuovo governo.

Elezioni di ieri 7 maggio 2015

Come di consuetudine, nella giornata di ieri, allo scadere della legislatura che dura 5 anni, si sono svolte le elezioni per il rinnovo della house of commons in Gran Bretagna, che anche stavolta hanno visto trionfare il partito conservatore e con lui il suo leader David Cameron.

Pubblicità
Pubblicità

Al 95% degli scrutini sono 621 i seggi assegnati ai consevatori su 650. Questo tradotto in seggi parlamentari vedrebbe 309 parlamentari conquistati dal partito conservatore.

Alle 5 e 45 di questa mattina il Leader del partito conservatore si è presentato davanti alle telecamere dichiarandosi soddisfatto del risultato ottenuto; poco dopo ha twittato: "un futuro migliore per tutti". Secondo i sondaggi sarebbero 9 i seggi mancanti al raggiungimento della maggioranza assoluta.

Risultato deludente per il partito laburista di Ed Miliband

Chi invece non può ritenersi soddisfatto è il leader del partito laburista Ed Miliband, che ha riportato un risultato assai deludente vedendo i laburisti dietro ai conservatori con circa 70 deputati in meno. Miliband ha twittato: "notte difficile e deludente".

Pubblicità

Nessuno si aspettava un risultato così basso dal secondo partito storico inglese ed è proprio per questo che Miliband potrebbe dimettersi nelle prossime ore. L' Ukip di Farage conquista tanti voti, ma pochi seggi (per via del sistema elettorale, che gli permette di ottenere solamente due seggi a Westminster) affermandosi come terzo partito in Gran Bretagna.

Trionfo inaspettato per gli scozzesi guidati dalla Nicola Sturgeon, leader del SNP (scottish national party) ed attuale primo ministro scozzese, che secondo gli exit polls ha ottenuto 56 seggi sui 59 in palio. #Elezioni politiche #Esteri