Per ebrei ultra-ortodossi la diffusione di fotografie di donne è in contrasto con l'interpretazione che fanno della loro religione, per questo alcuni giornali israeliani cancellano sempre le donne dalle fotografie. A volte, però, usando e abusando troppo di Photoshop si commettono dei grossolani errori, come è successo al quotidiano israeliano "Yom Le Yom". Il giorno dell'insediamento del nuovo governo guidato da Benjamin Netanyahu, la rivista ha pubblicato in prima pagina la foto dei ministri in posa, ma si sono prodigati nel tentativo malsano di cancellare la signora Gila Gamliel, ministro per la terza età. Tuttavia, il ritocco è stato fatto con così poco successo che si sono dimenticati di eliminare le gambe e, nell'immagine di copertina si notano due piedi che sembrano non appartenere a nessuno.

Pubblicità
Pubblicità

Fra i ministri del governo israeliano ci sono tre donne, ma nessuna di loro appare nella foto di copertina in quanto sono state artatamente poste "fuori campo". Con il ministro Gila Gamliel c'era un problema, infatti la donna non poteva essere estromessa a causa della sua vicinanza al premier. Porre anche lei "fuori campo" avrebbero rischiato di escludere pure la foto del primo ministro, così hanno pensato bene a una "valida" alternativa cancellando la sua sola immagine, però con scarso risultato.

L'abitudine di non far apparire le donne in foto, non è solo della rivista "Yom Le Yom", bensì anche altri giornali hanno adottato la stessa brutta consuetudine. Lo scorso gennaio, il quotidiano ultra-ortodosso israeliano "HaMevaser" ha letteralmente "spazzato via" ogni donna presente nella fotografia che ritrae i politici europei in manifestazione a Parigi, a sostegno della rivista Charlie Hebdo e contro l'estremismo islamico.

Pubblicità

L'immagine è stata la copertina pubblicata in prima pagina su tutti i giornali del mondo, ma nella rivista "HaMevaser" non appare nessuna donna. Eppure, tra le donne in prima fila della massiccia manifestazione di Parigi, c'erano la cancelliera tedesca Angela Merkel, il ​​sindaco di Parigi Anne Hidalgo, l'Alto rappresentante per la politica estera europea Federica Mogherini e la Regina Rania di Giordania.

Come si capirà, di estremismo religioso non c'è solamente quello islamico. #Esteri