Londra (Regno Unito) - Chuka Umunna, il candidato a guidare il partito laburista, si ritira dalla corsa dopo la cocente sconfitta elettorale del suo Partito dei giorni scorsi. Già Ed Miliband, capo del Partito Laburista, qualche giorno fa aveva dato le sue dimissioni all'indomani della sconfitta elettorale contro il Partito conservatore del Premier David Cameron. La schiacciante vittoria dei conservatori alle recenti tornate elettorali ha probabilmente messo Umunna - astro nascente dei laburisti inglesi - davanti a scelte dolorose, e nonostante solo pochi giorni prima avesse lui stesso lanciato la sua candidatura attraverso i social network, Umunna stesso fa marcia indietro.

Pubblicità
Pubblicità

Che l'abbia deciso di sua spontanea volontà o che sia stato invitato a farsi da parte, Umunna, o come viene soprannominato "l'Obama inglese" decide di ritirarsi dalla corsa per il delicato incarico di guidare i laburisti britannici, soprattutto in questo difficile momento post-sconfitta elettorale.

Chuka Umanna, classe 1978, è nato a Londra da padre nigeriano e madre inglese, da una famiglia di avvocati ed avvocato lui stesso. Umanna, che è stato eletto alla Camera nel 2010, e dal 2011 ha ricoperto l'incarico di Ministro-ombra per il Commercio nel Governo-ombra dei laburisti, si ritira non senza polemiche. Ha fatto sapere di non aver gradito l'eccessiva pressione esercitata su di lui ma anche sulla sua famiglia. Dichiarazioni che manco a dirlo non hanno convinto la stampa inglese sui reali motivi di una simile decisione.

Pubblicità

Peraltro sarebbe imminente l'uscita di un servizio giornalistico forse non troppo benevolo nei confronti del giovane e rampante politico inglese. Chi prenderà il posto che sembrava già quasi ipotecato da quello che è stato ribattezzato l'Obama inglese? Si apre la corsa alla successione, e anche i bookmakers - che già davano Umunna per vincente - stanno ad aspettare, ma il favorito sembra avere già un nome: Andy Burnham, uno degli attuali portavoce del Partito Laburista. Il nuovo Leader Labour dovrebbe essere nominato il prossimo 12 settembre. #Esteri