Aggiornamento ore 12:10, i dati definitivi Giovanni Toti conquista la carica più importante della Regione.

  • Giovanni Toti 34,4% (Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d'Italia e Area Popolare)

  • Lella Paita 27,8% (Partito Democratico e civiche)

  • Alice Salvatore 24,8% (Movimento 5 Stelle)

  • Luca Pastorino 9,4% (Civiche)

  • Enrico Musso 1,6% (Liguria Libera)

  • Matteo Piccardi 0,8% (Partito Comunista dei Lavoratori)

  • Antonio Bruno 0,7% (Progetto Altra Liguria)

  • Mirella Batini 0,3% (Fratellanza Donne)

Ore 00:37 - Affluenza definitiva 50,7%, un -10,2% rispetto alle scorse elezioni.

Pubblicità
Pubblicità

Ore 23:00 - Seggi chiusi, al via le operazioni di spoglio.

Ore 19:48 - L'affluenza alle ore 19 è stata del 39,5%, un +4,9% rispetto alle precedenti elezioni.

Ore 13:17 - L'affluenza delle ore 12 è stata del 16,8%, un +5,2% rispetto alle precedenti elezioni.

Ore 07:00 - Seggi aperti, si vota fino alle 23, subito dopo lo spoglio in diretta su Blasting.

La Liguria è chiamata ad eleggere il presidente che andrà a sostituire Burlando, si vota domenica 31 maggio dalle 7 alle 23, lo scrutinio inizierà alla chiusura delle urne e potrete seguirlo in diretta su Blasting News. I candidati alla carica di governatore sono 8, il totale delle liste presentante sono 14.

I candidati

Lella Paita è la candidata del Partito Democratico, 42 anni e attuale consigliere regionale.

Pubblicità

La spezzina è sostenuta da tre liste: Partito Democratico, Liguri per Paita e Liguria Cambia. Il motto della sua campagna elettorale è "La Liguria va veloce".

Il berlusconiano Giovanni Toti prova a scippare la presidenza della regione al centrosinistra, l'esponente di Forza Italia, oltre al suo partito, è appoggiato da Lega Nord, Fratelli d'Italia e Area Popolare. Lo slogan utilizzato nell'avventura elettorale è "Cambiamo Insieme".

Il Movimento 5 Stelle propone Alice Salvatore, vincitrice delle "regionalie". La genovese 32enne presenta un programma di rottura con il passato: tutela del territorio, rifiuti zero e tagli dei costi della politica i punti focali; una sola la lista presentata.

L'ex PD, Luca Pastorino, si candida a governatore della Liguria; in rottura con l'ex Partito Democratico ha il sostegno di Cofferati e Civati. L'ex sindaco di Bogliasco è sostenuto da 2 liste: Rete a Sinistra e Lista Pastorino.

Antonio Bruno si candida con la lista Progetto Altra Liguria, queste le parole utilizzate durante la propaganda elettorale: "Puntiamo a un modello di sinistra antiliberista sulla scia di ciò che già esiste in Grecia, Spagna e America latina".

Pubblicità

Il Partito Comunista dei Lavoratori corre da solo con Matto Piccardi candidato presidente, molte critiche le posizioni di quest'ultimo verso il resto della sinistra e mette delle distanze nette con tutti gli altri parti del panorama ligure: "Il PCL è l'unico partito che anche nella regione Liguria non si è compromesso con le politiche dominanti".

L'economista e il liberale Enrico Musso si candida per la lista Liguria Libera; a chiudere la lista dei candidati alla presidenza, Mirella Batini di Fratellanza Donne. #Politica Genova #Dirette