La Blacklist di Mosca è una risposta alle sanzioni occidentali contro la Russia a seguito delle ingerenze militari e politiche in Ucraina.

Una fonte diplomatica di Mosca ha dichiarato: "La risposta è semplice. Questo è stato fatto come risposta alla campagna di sanzioni lanciata contro la Russia da parte di vari Stati della Ue, capeggiati dalla Germania".



Martin Schulz, presidente del parlamento Ue, ha definito la lista "inaccettabile". Ha annunciato inoltre l'incontro di domani con l'ambasciatore russo :"In caso di risposte insoddisfacenti mi riserverò il diritto di prendere misure adeguate". Tutti i leader Europei si sono accodati al coro di proteste compreso l'Alto rappresentante Ue Mogherini che ha affermato "la lista è arbitraria e ingiustificata, soprattutto in assenza di ogni altro chiarimento e trasparenza".

I nominativi inseriti nella lista

Innanzitutto noi italiani non risultiamo troppo antipatici a Puntin in quanto è stata inserita la sola Annamaria Corazza Eurodeputata nel Ppe, naturalizzata Svedese dopo il matrimonio con l'ex premier Carl Bildt.

I più cattivi agli occhi di mosca sono i polacchi con ben 17 nominativi. I tedeschi sono in buona posizione con 7 politici inseriti nella lista delle persone non gradite da Mosca.

Tra i personaggi importanti troviamo il vicecapogruppo della Cdu al Bundestag Michael Fuchs, l’ex ministro degli #Esteri ceco Karel Schwarenberg, Nick Clegg ex vice premier britannico ed il vice ministro alla Giustizia polacco, Robert Kupiecki.

Ci sarebbe inoltre il  filosofo ed editore francese Bernard-Henri Levy, noto per le sue posizioni anti russe.  E' bene precisare che la lista resa nota da dall’emittente finlandese Yle non è stata ancora confermata da Mosca.

Esiste pure blacklist contro Usa

In questo caso una fonte molto vicina al Ministero degli esteri russo ha affermato:

"bisogna ammettere che in questo caso i nostri partner americani hanno un atteggiamento più costruttivo rispetto ai nostri partner europei".

Pubblicità
Pubblicità



Forse, parlando di partner, facevano riferimento ai vari esperti in liste di proscrizione.







#Unione Europea