L'election day si avvicina ed emergono nuovi dati sui sondaggi elettorali riguardanti le regionali. Il 31 maggio 2015 saranno chiamati alle urne diversi italiani, in sette regioni, i quali dovranno votare per eleggere il governatore e rinnovare la giunta. Coinvolta sarà anche la Liguria, dove avremo anche le elezioni amministrative in contemporanea. A ormai poche settimane dalla tornata elettorale, la situazione è sempre più in bilico. I principali candidati si trovano appaiati ed è difficile dire chi riuscirà a spuntarla. Se fino a qualche tempo fa Raffaella Paita del Partito Democratico era in testa con un margine di sicurezza, ai primi di maggio possiamo notare come il rivale Giovanni Toti, appoggiato dal centrodestra, si è fatto prepotentemente sotto.

Pubblicità
Pubblicità

La prima si attesta al 30,5%, mentre il secondo vanta il 30% delle intenzioni di voto dei cittadini.

Elezioni Regionali in Liguria: ultimi sondaggi elettorali, testa a testa Paita-Toti

Il testa a testa fra i due candidati sarà interessante fino alla fine. Difficilmente si potrà fare un pronostico ed è l'unica fra le sette regioni chiamate al voto ad essere in una situazione tale. Altrove, infatti, c'è un candidato, di centrodestra o centrosinistra che sia, il quale spicca sugli altri, mentre qui no. La battaglia è ancor più avvincente se si pensa al fatto che il terzo in classifica non è molto distante. Si tratta di Alice Salvatore del Movimento 5 Stelle, che rispetto a qualche settimana fa ha fatto registrare un +1,5% ed ora si trova al 21,5%. Poco più indietro troviamo Luca Pastorino della minoranza PD, appoggiato anche da Sel e Rifondazione Comunista; per lui, che difficilmente insidierà la vetta, c'è stato un calo drastico delle intenzioni di voto, addirittura un -4,5%, ed ora si attesta al 14,5%. In ultima posizione abbiamo Enrico Musso di Ligura Libera che ad oggi otterrebbe solamente il 3,5% dei voti. Questi sono i dati di Scenaripolitici.com, portale che ha riportato anche i dati relativi all'affluenza alle urne. L'ultima rilevazione parla del 52%. Il motivo per cui le percentuali di Paita sono calate drasticamente è da attribuire al fatto che c'è stata una spaccatura interna al Csx, altrimenti non ci sarebbe stata partita. #Elezioni politiche #Sondaggi politici