Siamo davanti agli ultimi sondaggi per le elezioni Regionali 2015 degli istituti Tecnè e Ipr Marketing, presentati nella serata di lunedì 11 maggio a Porta a Porta su Rai 1. Sorpresa in vista in Liguria, dove la candidata del #M5S Alice Salvatore avvicina Toti di FI, a sua volta sempre più vicino alla Paita del #Pd. Nessun dubbio per l'esito delle elezioni regionali in Veneto 2015, troppo largo il vantaggio del candidato di centrodestra della Lega Nord, il governatore uscente Luca Zaia, sulla candidata PD Alessandra Moretti che sembrava essere in rimonta. In Campania cambiano i sondaggisti e cambiano le previsioni elettorali, stavolta Ipr e Tecnè sono però d'accordo: tra Caldoro e De Luca è parità, può essere soddisfatta la candidata del M5S Valeria Ciarambino ottima piazzata.

Pubblicità
Pubblicità

Sondaggi elettorali regionali 2015: intenzioni di voto Veneto, Liguria e Campania 11 maggio

Poco da fare per la Moretti, candidata PD di centrosinistra nelle elezioni regionali del Veneto, stimata al 31,0% secondo Tecnè che indica il governatore uscente della Lega Nord Zaia al 42,5%. Flavio Tosi pare essere in vantaggio con il 13,0% dei consensi sul candidato del M5S Jacopo Berti, dato al 11,5%. Astensione tra il 53,5% e il 55,5%.

I sondaggi elettorali Ipr stimano Luca Zaia al 44,0% e Alessandra Moretti al 33,0%, una forbice praticamente uguale alla precedente. Per quanto concerne il terzo piazzamento, qui vige l'incertezza: infatti Tosi e Berti sono stimati entrambi al 10,5%. L'astensione è prevista intorno al 30,0% con gli indecisi che sarebbero compresi tra il 20,0% e il 24,0%.

Pubblicità

Passiamo ai sondaggi regionali per la Liguria. Le intenzioni di voto Ipr indicano la renziana Raffaella Paita al 28,0% con Giovanni Toti in rimonta che viene stimato al 27,0%. Si avvicina molto la candidata del Movimento 5 Stelle Alice Salvatore data al 25,5%, una sorpresa non preventivabile qualche settimana fa. Luca Pastorino sostenuto da Civati e dalla sinistra radicale, viene accreditato dell'11,0%, potrebbe essere lui l'ago della bilancia che toglie voti alla Paita.

Le intenzioni di voto Tecnè invece, segnalano che sono due i punti di gap tra Paita e Toti, rispettivamente stimati al 28,5% e al 26,5%. Un po' meno vicina ma ugualmente in grande rimonta la Salvatore del M5S con il 24,0%. Indicato al 10,0% il candidato di sinistra Pastorino, non lontanissimo il centrista Musso al 7,5%.

Concludiamo con i sondaggi elettorali per la Regione Campania. Come già detto prima, qui è parità assoluta tra l'ex sindaco di Salerno e candidato di centrosinistra del PD, Vincenzo De Luca, e il governatore uscente di centrodestra Stefano Caldoro.

Pubblicità

Ipr li indica al 37,0%, mentre Tecnè al 36,5%. Secondo il primo istituto citato, la candidata pentastellata Ciarambino è al 21,5%, per il secondo al 20,5%. L'astensione è prevista tra il 53,5% e il 57,0% tenendo conto anche degli indecisi.

Il 31 maggio 2015 si voterà in 7 regioni, le altre 4 non citate sono Puglia, Marche, Umbria e Toscana dove il candidato PD è destinato a vincere le elezioni, ma per quanto concerne Campania e Liguria tutto può succedere, basta mezza dichiarazione, un'indiscrezione o altro per far pendere l'ago della bilancia da una parte o dall'altra. Ricordiamo che venerdì 15 maggio 2015 è l'ultimo giorno utile per la pubblicazione dei sondaggi elettorali. #Sondaggi politici