E' ripreso, qualche giorno dopo la pausa avvenuta nelle scorse settimane, l'esame della proposta di legge su #amnistia e #indulto contenente 4 diversi provvedimenti su un tema che sta creando una profonda discussione dove viene evidenziata una sostanziale diversità di opinioni. Nel frattempo, continua l'emergenza nei penitenziari italiani che sta provocando azioni che cercano di sensibilizzare tutta la collettività.

Il partito dei Radicali è quello più attivo a tutela dei detenuti

Il partito più attivo, da questo punto di vista, è quello dei Radicali Italiani che, attraverso un vero e proprio 'tour' cerca di modificare alcune normative per giungere ad un cambiamento delle condizioni di vita carcerarie per i tanti detenuti all'interno delle strutture.

Pubblicità
Pubblicità

Alcuni dati che sono emersi da un Convegno della Società Italiana di Medicina e Sanità Penitenziaria hanno allarmato gli 'addetti ai lavori' dato che sono state evidenziate molte carenze relativamente alla salute dei carcerati.

L'unica nota positiva è la diminuzione del numero dei seriopositivi

Questi dati mettono in evidenza che 2 detenuti su 3 hanno evidenziato qualche patologia, più o meno grave. Nel dettaglio, il 48 percento del campione preso in esame mostra problematiche relative ad una patologia infettiva, il 32 percento ha disturbi psichiatrici, il 17 percento hanno messo in evidenze delle malattie scheletriche, il 16 percento delle malattie legate alla circolazione del sangue ed, infine, il 10 percento, con problematiche di tipo dermatologico. L'unica nota positiva è la diminuzione di sieropositivi.

Pubblicità

Questi dati allarmanti ripropongono il problema delle condizioni di vita all'interno dei penitenziari che, periodicamente, vengono messe in evidenza. Uno delle motivazioni che aggravano le condizioni igienico-sanitarie è il sovraffollamento presente, praticamente, in ogni struttura. Intanto, il sindacato di polizia penitenziaria, più volte ha messo in evidenza le pessime condizioni in cui versano le celle e i locali dei penitenziari di tutto il territorio nazionale.