Due giorni fa, in Commissione Giustizia del Senato, si è tenuta la discussione delle 4 proposte di legge su #amnistia e #indulto grazie ai relatori Nadia Ginetti, Ciro Falanga e Luigi Manconi. Diverse sono le questioni relative a questo delicato tema della giustizia. E' stata evidenziata, nei giorni scorsi, una situazione sanitaria pessima con due detenuti su tre che, nei nostri penitenziari, contraggono malattie più o meno gravi. Senza tralasciare il fatto che, nelle carceri stesse, vengono curati i detenuti malati tramite strutture non adeguate alla situazione. Uno dei problemi che dovrà essere affrontato dal governo Renzi è quello relativo al sovraffollamento carcerario, questione che apre molti interrogativi su come dovrà essere riformato il sistema giudiziario italiano.

Pubblicità
Pubblicità

Si aspetta la decisione del Consiglio di Stato sulla questione Pizzolato

Intanto, in ambito internazionale, il Consiglio d'Europa ha plaudito al lavoro fatto sinora da Andrea Orlando, ministro della Giustizia. Anche se, in queste ultime ore, sono arrivate diverse critiche sulla vicenda che sta vedendo protagonista un detenuto italo-brasiliano, Henrique Pizzolato, estradato in Brasile per aver commesso un reato nel nostro Paese per ottemperare a quanto stabilito dalle norme di cooperazione internazionale. Da più parti si chiede che la pena venga sospesa e che il detenuto rimanga nel carcere di Modena a scontare i 12 anni di reclusione previsti in virtù del fatto che condizioni carcerarie dei penitenziari brasiliani sono peggiori di quelli italiani. Si aspetta, a questo punto la pronuncia del Consiglio di Stato che dovrà decidere se sospendere o meno la procedura di estradizione.

Pubblicità

Mattarella ha incontrato Manconi sulla questione Amnistia e Indulto

Intanto, nei giorni scorsi anche il Presidente della Repubblica Mattarella è voluto intervenire sulla questione delle condizioni carcerarie. In un colloquio avuto con uno dei relatori delle quattro proposte di legge, Luigi Manconi, il Presidente ha voluto dare il suo sostegno a favore di una riforma del sistema carcerario che possa migliorare le condizioni di salute e di sovraffollamento che stanno caratterizzando, in questo periodo, i penitenziari italiani. Vedremo se qualcosa cambierà, anche se, sappiamo benissimo, qualsiasi intervento legislativo sarà devoluto ai due rami del Parlamento.