Sappiamo bene come il Presidente del Consiglio non sopporti l'idea di dover rinunciare ad un obiettivo: i suoi 'andiamo, avanti tutta' sono, ormai, un suo marchio di fabbrica, fanno parte del suo DNA ed ecco perchè l'ipotesi di un rinvio dell'approvazione della Buona #Scuola andrebbe a scontrarsi con la caparbietà e l'orgoglio di #Matteo Renzi, tanto più che la riforma scolastica è una sua 'creatura' e quindi la sconfitta varrebbe doppio.

Dobbiamo aspettarci davvero una retromarcia del premier? Su un elemento possiamo essere certi: il decreto ad hoc sul piano assunzioni non ci sarà, perchè se, in passato, Renzi aveva già rifiutato di prendere in considerazione la richiesta dei sindacati, tanto più ora è il tempo di serrare le porte a questa proposta.

Pubblicità
Pubblicità



Riforma Scuola: il 'salvagente' di Renzi sarà il gruppo di Denis Verdini?

Il 'salvagente' per la Buona Scuola potrebbe arrivare proprio in extremis. Se la minoranza della sinistra insiste con il suo braccio di ferro e il Nuovo Centro Destra si sta sbriciolando, dopo l'ondata di avvisi di garanzia e di accuse mosse nei confronti di alcuni esponenti del partito di Angelino Alfano (vedi Castiglione ed Azzollini), Renzi sta preparando la mossa a sorpresa che potrebbe fargli vincere la battaglia contro chi non vuole la Buona Scuola. I senatori (una quindicina) che sarebbero 'benignamente disposti' a votare a favore della riforma della scuola sono quel gruppo di parlamentari che ruotano intorno a Denis Verdini, ex coordinatore di Forza Italia.
Lo 'sforzo' del gruppo di Verdini non sarebbe poi così faticoso, visto che le linee guida del testo del DDL non sono poi così lontane dagli ideali politici degli ex appartenenti al partito di Silvio Berlusconi. 
L'unica, ma importante, incognita, semmai, potrebbe essere la reazione della minoranza di sinistra, visto che lo 'schiaffo politico' sarebbe di quelli che fanno male. Renzi dovrà ponderare bene le sue mosse, sia per il prolungamento del suo mandato quale Presidente del Consiglio, sia per le conseguenze elettorali che ne potrebbero derivare.
#Senato