Come riferisce Repubblica.it, questa mattina Maria Elena Boschi ha richiesto la fiducia al maxiemendamento al Ddl #Scuola. In un tweet, Faraone ha detto: 'Determinati ad approvare ddl #labuonascuola e a salvare le assunzioni insegnanti precari. Inevitabile la fiducia'. L'inizio della prima chiamata al Senato è prevista per questo pomeriggio alle 16. Il voto potrebbe arrivare un'ora dopo, ma sono possibili ritardi. Il Fatto Quotidiano riferisce che nella notte il clima è stato teso, affermando che il #Governo potrebbe anche traballare e cadere per colpa di un comma contenuto nel maxiemendamento, che gli farebbe perdere il voto del Nuovo Centrodestra.

Pubblicità
Pubblicità

Alcuni si sono già schierati pro e contro la riforma. Ma vediamo come il comma che si riferisce al Gender potrebbe fare la differenza.

Comma sul Gender: il ddl scuola perderà la fiducia per colpa sua?

Il senatore Carlo Giovanardi ha dichiarato che non intende votare il provvedimento del ddl scuola se non sarà ulteriormente modificato, e come lui anche colleghi gruppo Ap-Area popolare. Ma è Angelino Alfano che potrebbe fare la differenza. Il maxiemendamento voluto dal PD, include un comma che si riferisce all'educazione di genere, o teoria del 'Gender'. Negli ultimi giorni si è parlato parecchio di questa nuova forma di educazione in cui si predica la parità di genere, senza distinzione fra maschio e femmina. Se il Nuovo Centrodestra appone la fiducia a questa riforma, che include il comma sul Gender, potrebbe mettersi contro moltissimi elettori che non approvano affatto questa idea di educazione.

Pubblicità

Ma se la fiducia non arriva, il Governo cade. A questo punto si tratta di stabilire quale carta conviene giocarsi. Conviene non inimicarsi gli elettori in vista di una possibile elezione, oppure restare unito a Renzi? Giovanardi, dal canto suo, è stato categorico: per loro non ci sono alternative, o si toglie la norma o Renzi non avrà la fiducia. C'è ancora qualche speranza di farcela per i migliaia di docenti che non vogliono questa riforma della scuola e che ancora protestano, sebbene senza il supporto dei media? La risposta arriverà entro oggi.