Ci sono grandi aspettative per la conferenza che i tedeschi euroscettici Altenative für Deutschland (AFD) hanno programmato per il 13 giugno. Nella fase più controversa dei negoziati tra la Grecia ei suoi creditori, sembrano assumere particolare significato le loro lamentele riguardo ai programmi di salvataggio europei.

Ma il Congresso è stato appena chiamato fuori attraverso Twitter. Il portavoce Christian Lüth ha espresso dubbi giuridici sociali circa l'elezione dei delegati che ha consigliato annullare l'evento.

Più tardi questo mese ci sarà un incontro dei membri del partito per dare spiegazioni, ma la manovra ha alimentato voci di una spaccatura. Il confronto tra le due ali, uno incentrato sul ripristino dei principi fondatori dell'euro e l'espulsione di paesi che non hanno la "dimensione", un altro sempre più appoggiato dalla estrema destra.

Il fondatore del partito Bernd Lucke, un ex professore di economia che è riuscito a dare forma politica al disagio di molti tedeschi per i programmi di salvataggio ha recentemente perso la causa con l'ex presidente della Confederazione dell'industria tedesca (BDI) Hans Olaf Henkel , ampiamente riconosciuto e che fin dall'inizio è servito come garanzia di solvibilità politica economica personalità. Henkel ha lasciato, disgustato dalla vicinanza di gruppi di estrema destra. #Crisi economica #Unione Europea

Il discorso di Lucke Anti ha fin dall'inizio ha attirato persone che hanno visto come una difesa degli interessi tedeschi e speravano che il partito potesse iniziare una sorta di rinazionalizzazione della politica in Germania. Quegli elettori, più a destra di Lucke e Henkel, si nascondevano dietro altre figure del partito come Alexander Gauland leader AFD nel Brandeburgo, o Frauke Petry, che guida il gruppo in Sassonia e ha resistito apertamente per la leadership Lucke.
L'iniziativa denominata "Weckruf 2015" (Chiamata Sveglia 2015), lanciata da Lucke all'interno del partito, ha cercato di rafforzare la visione moderata e il raggruppasi attorno alla sua leadership senza preoccuparsi populisti di destra che hanno messo in discussione la politica come "culto della personalità" Lucke.


Dopo l'ultima riunione dell'esecutivo federale, Lucke ha detto e "non poteva continuare a lavorare con Petry co-presidente, da cui è stato" deluso "e che" solo perseguire le loro ambizioni personali ". L'incompatibilità dei due uomini politici sembra essere un ostacolo insormontabile.


Nelle elezioni generali del 2013 AfD ottenuto il 4,7% dei voti, di qualche decimo al di sotto della soglia del 5% necessaria per la rappresentanza parlamentare in Germania. Alle elezioni europee del 2014 ha realizzato il 7,1%, guadagnando sette seggi in Parlamento.
Crescono le possibilità di scissione e scomparirebbe un sasso nella scarpa della cancelliera Merkel, che aveva trovato in questo partito la maggior opposizione alla sua politica europeista.