Internet diventa un nuovo territtorio di battaglia per lo Stato Islamico. L'organizzazione jihadista utilizza Facebook, Twitter o semplici collegamenti sul Web come un metodo economico ed efficace di propaganda e di reclutamento.


Basta una rapida ricerca per trovare centinaia di ciber-jihadisti la cui immagine del profilo è la bandiera ISIS o un volto coperto da un passamontagna, coltello in mano. I commenti sono inquietante. "Messaggio agli infedeli, voglio una morte lenta e dolorosa per voi, tipo la decapitazione, il mio caro marito lo farà per me", ha scritto su Twitter l'utente Umm Jihad, Brasile.


L'uso diffuso di Twitter tra i seguaci dell’#Isis in  un recente studio della Brookings Institution, stima in 46000 il numero di jihadisti Twitter-users ha portato l'azienda ad annullare migliaia di account. L'iniziativa avrà un costo per il suo fondatore, Jack Dorsey, minacciato di morte.


Poco è servito. Gli utenti riaprono i loro conti e utilizzare gli altri sostenitori per pubblicizzare le nuove coordinate. I progressi in Palmyra (Siria) e Ramadi (Iraq), insieme con le foto di amici o parenti uccisi in combattimento, sono i post più frequenti. 


Le donne sono tanto violente quanto gli uomini. Molti optano per profili chiusi. Fuggendo dalle loro case 65 ragazzi che cercavano di entrare nelle fila dell’ ISIS ha fatto scattare campanelli d'allarme in molti paesi. Sei di questi giovani sono spagnoli.


"Mio cugino ha viaggiato da Beirut a Arsal [cittadina al confine siriano-libanese] e poi in Siria da un passo illegale", ammette Firaz, usando questo pseudonimo libanese, 19, nativo di Sidone. "E' facile perché sappiamo tutti i gruppi di Facebook. Di solito attraverso amici che sono andati a combattere, così si finisce nella stessa milizie", aggiunge.


La macchina della propaganda ISIS non lesina risorse per attirare jihadisti europei. Secondo Brookings, uno su cinque dei seguaci usano l'inglese e il 75% l'arabo per comunicare su Internet. Ora ci sono 25.000 stranieri, secondo un rapporto presentato alle Nazioni Unite. Di questi, il 20% si stima essere europei. I francesi sono il gruppo più numeroso, con 1.600 jihadisti. "C'è stato un rallentamento l'arrivo di nuovi combattenti stranieri, ma dopo Ramadi Palmira e molti altri sono attesi per unirsi", dice Romain Caillet, esperto francese sul jihadismo.


Nel video, le canzoni jihadisti accompagnano il viaggio di una donna che fa zaino, esce di casa, sale su un aereo di Air France illegalmente e poi strisciare sotto recinzioni che separano la Turchia dalla Siria. Raggiunta la destinazione, abbraccia il suo uomo e si allea all’ISIS.
#terrorismo #social network