Spagna e Italia sono a favore di una coalizione internazionale che operi per nove mesi contro lo Stato islamico in Iraq e Siria "ampliando il suo campo d'azione" alla Libia per la situazione "caotica" creatasi di fronte al paese. Lo ha affermato Martedì il ministro degli Esteri spagnolo Jose Manuel Garcia-Margallo, dopo aver partecipato a Parigi, in occasione della riunione dei ministri dei 25 paesi membri della coalizione.

L'Italia ha lanciato l'idea nel corso di tale incontro e García-Margallo appoggia senza soluzione di continuità, anche se non ancora ultimato del tutto,le possibili modalità di intervento. "Quello verrà più tardi", ha detto il ministro spagnolo", ma che questa coalizione, in quanto tale coalizione inizi a mettere sul radar un azione in Libia lo ritengo importante e, naturalmente, la Spagna lo sosterrà".

Il ministro spagnolo ha detto che per un intervento potenziale che ha base giuridica sufficiente sia richiesto dal governo legittimo della Libia. A questo proposito, ha ricordato che il rappresentante speciale delle Nazioni Unite per la Libia, lo spagnolo Bernardino Leon, ha presentato l'8 maggio un piano per formare il cosiddetto governo di Accordo Nazionale del paese. Come è successo in Iraq, ha detto, soddisfatto di una richiesta di quel governo, ma una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sarebbe sempre auspicabile.

"C'è stata un'idea embrionale che ha lanciato l'Italia che sembra interessante: in Libia dal momento che il grosso problema è lo Stato islamico in alcune città, tra cui Sirte, ha proposto alla coalizione di ampliare il campo di applicazione. Questo, accoppiato con quello che sta accadendo in Libia, può avere un interesse. " "L'idea è stata lanciata e non è stato discusso. Ma la Spagna è d'accordo ".

In un altro punto, però, Garcia-Margallo ha detto che la proposta italiana "è molto specifica" e crede che "dobbiamo agire in fretta", perché c'è "una situazione di emergenza". Il ministro spagnolo ha anche parlato del progetto europeo per distruggere le barche dalla costa libica usate per il traffico verso l'Europa. #terrorismo #Isis