Le riforme in Italia sono all'ordine del giorno, tanto da riuscire a mettere caos ai cittadini italiani, pertanto oggi in questo articolo abbiamo pensato di fare un po' di chiarezza elencandovi la tabella delle novità inserite nella Legge di Stabilità 2015, pubblicate in Gazzetta Ufficiale lunedì 29 dicembre 2014.

Cosa definisce il Disegno di Legge 2015

80 euro: l'importo diviene permanente. Adozioni internazionali: l'aiuto economico da parte dello Stato sarà equivalente a 5 milioni di euro. Agenzia spaziale: il sostegno finanziario sarà corrispondente a 30 milioni di euro per i tre anni 2015-2016-2017. Allagamenti: le sovvenzioni saranno di 8 milioni, indirizzati ai Comuni di Genova, mentre per gli istituti scolastici della Sardegna, ci saranno a disposizione 5 milioni.

Pubblicità
Pubblicità

Amianto: il finanziamento di 45 milioni di euro, saranno rivolti alle vittime e alla decontaminazione. Armi sceniche: le armi sceniche dovranno essere presentate al controllo del Banco Nazionale di Prova, entro giovedì 31 dicembre 2015. Bollo auto storiche: rimane l'esonero del bollo per le automobili che hanno oltre 30 anni, mentre si dovrà versarlo per le auto che hanno tra i 20/30 anni di età. Bonus bebè: per i bambini nati oppure adottati entro giovedì 31 dicembre 2015 e i nuclei familiari con tetto ISEE equivalente a 25mila euro all'anno, vi saranno 80 euro mensili per 3 anni. Invece per le famiglie in situazioni economiche basse, ovvero con una soglia ISEE al di sotto dei 7mila euro, la somma aumenterà e diverrà di 160 euro mensili per 3 anni.

Buoni pasto aziendali: da mercoledì 1 luglio 2015, l'ammontare dei biglietti elettronici non assoggettati a tassa, da 5.29 euro passeranno a 7 euro.

Pubblicità

Canone Rai 2015: la somma è ferma, tant'è che si verserà il medesimo importo dell'anno 2014, ossia di 113.50 euro. Comitato Italiano Paraolimpico: sovvenzionamento annuo corrispondente a 7 milioni di euro. Compensazioni: è stata ampliata all'anno 2015, la probabilità di bilanciamento tra le somme registrate a ruolo e i crediti attinenti al commercio con la gestione pubblica. Cure termali: il Servizio Sanitario Nazionale, da venerdì 1 gennaio 2016 non risponderà più delle cure termali, che predeterminavano il finanziamento di attività finanziarie fornite a nome di INAIL e #Inps. Ebola e patologie infettive: finanziamenti di 3 milioni di euro nell'anno 2015 e 1,5 milioni negli anni consecutivi, indirizzati al controllo e al blocco di affezioni contagiose.



#Governo #Scuola

Ecobonus e ristrutturazioni edili: le aliquote nell'anno 2016 saranno del 36%. Ecoincentivi: da giovedì 1 gennaio 2015, svanirà lo sconto che prevedeva la spesa per veicoli ecologici e che veniva stabilito dal Decreto Sviluppo. IMU-TASI: la soglia massima 2,5 per mille è stata interrotta per l'anno 2015. IRAP: vi sarà una totale detraibilità dell'IRAP per i nuovi contratti. Pellet: l'IVA aumenta dal 10% al 22%. Pubblico impiego: anche per l'anno 2015 i contratti pubblici saranno sospesi. TFR: il dipendente privato avrà la facoltà di variare il TFR in un supplemento della paga mensile, da domenica 1 marzo 2015 a sabato 30 giugno 2018. Veicoli: da martedì 1 gennaio 2019, sarà proibito circolare con i veicoli a motore di categoria M2 e M3, i soprannominati “euro 0”. Per ulteriori informazioni sulla Politica 2015, cliccate il tasto “Segui” in alto a destra attiguo al nome dell'autore.