Il quadro politico si fa ancora più incerto dopo che il #Governo, ieri, è andato sotto in altre due occasioni al Senato, dopo lo 'scivolone' della Buona #Scuola in commissione. A complicare ancora di più il percorso della riforma renziana, è arrivata l'autorizzazione a procedere contro Antonio Azzollini, senatore del Nuovo Centro Destra ma soprattutto presidente della Commissione Bilancio: proprio da qui dovrà passare a giorni il DDL di Renzi per l'approvazione. 

L'impressione è che sia in atto un tiro incrociato contro il Presidente del Consiglio: se da una parte, il tiro al bersaglio NCD sta indebolendo la maggioranza e il governo, dall'altra la minoranza di sinistra, dopo la riunione di lunedì sera della direzione PD, ha concesso solo una tregua al premier. 

Se la trattativa sul merito non andrà avanti o se Renzi non cambierà alcuni punti cruciali della riforma, difficilmente la riforma riuscirà a passare in Senato.

Pubblicità
Pubblicità

E allora, cosa potrebbe succedere?

DDL Buona Scuola, ultime notizie 11 giugno: Renzi rinvia tutto al prossimo anno?

Renzi potrebbe decidere di rinviare la Buona Scuola all'anno prossimo: lo ha riportato il quotidiano torinese 'La Stampa' che ha citato una fonte molto vicina al Presidente del Consiglio. Questo significherebbe, però, che anche le 100.000 assunzioni slitterebbero a settembre 2016, perchè il Presidente del Consiglio non sarà certo disposto a calare la testa di fronte alle pressioni della sinistra in merito al decreto urgente e ad hoc. Si tratta solo di un 'implicito ricatto' ai dissidenti, affinchè i ribelli si decidano a dire sì alla Buona Scuola oppure Renzi si è reso conto di un'inevitabile sconfitta? 

Riforma Scuola, il tempo stringe: o si chiude entro il 30 giugno o salta tutto

Una cosa è certa, il tempo stringe e come ribadito da Luigi Zanda, capogruppo del Partito Democratico, bisogna fare in fretta altrimenti salta tutto.

Pubblicità

Da lunedì prossimo, infatti, il testo della riforma passerà in Commissione Istruzione al Senato: anche qui, però, la maggioranza corre sul filo di uno-due voti e non è da escludere qualche altra sorpresa. 

E dopo le modifiche, il disegno di legge dovrà tornare alla Camera. I renziani, ormai, sono consapevoli che se non si chiude entro il 30 giugno, salta la riforma e, con essa, le assunzioni. #Matteo Renzi