Tanto è stato fatto ma molto resta ancora da fare. L'ultimo rapporto della Fao ha certificato che, dal 1990 a oggi, sono 216 milioni le persone che non soffrono più la fame. Un risultato non da poco che ha significato il raggiungimento dell'obiettivo prefissato dall'organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura: il dimezzamento in 72 Paesi della soglia di affamati.

Come ha invocato Papa Francesco, tuttavia, nessuno potrà sentirsi al riparo con la propria coscienza sino a quando il diritto all'accesso al cibo non sarà garantito a tutti i popoli del Pianeta. Basta guardare all'Africa - in particolare l'area sub-sahariana - per ritrovare il più alto tasso di sofferenza per fame, con una soglia che sfiora il 23%.

Pubblicità
Pubblicità

Il trend migliora decisamente laddove alcuni Stati sono stati in grado, negli ultimi venti anni, di attuare politiche agricole mirate nei territori.

Nel Continente asiatico l'obiettivo del dimezzamento dei malnutriti, invece, è stato raggiunto grazie alla crescita esponenziale delle nuove economie. Un'evoluzione rimasta estranea invece nelle aree del Sud che hanno dovuto fare i conti oltre che con la fame, con il macigno della guerra. #Governo #Papa Francesco