Il governo Renzi e il premier in persona stanno affrontando quella che può essere definita una prima grande crisi di governo: gli ultimi sondaggi politici elettorali Euromedia, diffusi durante il programma di Rai 3 Ballarò, vedono il PD al suo minimo da quando Renzi è al comando, e la continua inesorabile crescita delle opposizioni, soprattutto del M5S e della Lega Nord. È chiaro come il governo Renzi, che si sovrappone al PD, stia inciampando soprattutto in due questioni: da un lato il tema sempre vivo della corruzione che ha investito i democratici, dall'altro le scelte ritenute sbagliate su una serie di politiche economiche e sociali, su tutte quelle della scuola.

Pubblicità
Pubblicità

Il PD e Renzi: i dati dei sondaggi politici elettorali al 17-06

Il calo del PD è oramai costante e continuo da settimane: i risultati degli ultimi #Sondaggi politici elettorali Euromedia rivelano come i democratici abbiano perso un altro mezzo punto percentuale raggiungendo il minimo storico da quando Renzi è il leader del partito. Il PD, infatti, si ferma al 34%, ma interessante è anche il giudizio degli italiani sull'operato del governo e del premier in persona. È stato infatti chiesto cos'è che penalizza l'operato di Renzi e le risposte sono state molto chiare: il 29,5% degli italiani ha risposto la crisi economica, il 22,1% il fatto che si stiano mandando avanti riforme non necessarie e centrali per il paese, il 19,9% gli scandali giudiziari e di corruzione che stanno investendo il PD, il 18% gli ultimissimi risultati elettorali, il 10,5% le divisioni interne con la cosiddetta minoranza dem.

Pubblicità

M5S e Lega Nord, vola l'opposizione: news sondaggi politici elettorali 17-06

Se, dunque, il PD e il governo Renzi sono in profonda crisi, le opposizioni del M5S e della Lega Nord continuano la loro crescita. I risultati degli ultimi sondaggi politici elettorali vedono i Cinque Stelle conquistare un altro 0,3% rispetto alle precedenti rilevazioni, attestandosi dunque al 21,5%; la Lega Nord guadagna lo stesso differenziale in percentuale e si consolida come il partito guida del centrodestra con il 14,9% dei consensi. Forza Italia non guadagna e non perde, restando ferma al 13,2%. Importante, anche in questo caso, il giudizio degli elettori su Berlusconi: per il 39,6% il Cavaliere si avvia politicamente al tramonto, mentre per il 29% potrebbe essere ancora protagonista della scena italiana, il 24% ritiene che semplicemente non ha più la forza di incidere sulle decisioni del paese.

A perdere consensi sono anche altre formazioni di opposizione: Fratelli d'Italia è al 4,1% e perde lo 0,3%, mentre SEL si ferma al 3,9% con un calo dello 0,2%. NCD-UDC scompare quasi fermandosi al 2,8%. In crescita soltanto i cosiddetti altri di sinistra con il 3,8%.

È tutto con i dati degli ultimi sondaggi politici elettorali Euromedia al 17 giugno. Per ricevere aggiornamenti, il consiglio è cliccare su "Segui" in alto poco sopra il titolo dell'articolo.