Sono usciti gli ultimi #Sondaggi politici dell'istituto SWG, e come era lecito aspettarsi dopo le elezioni regionali, i dati sono per certi versi sorprendenti. Le conseguenze delle regionali si fanno sentire anche sulle intenzioni di voto degli italiani in caso si andasse alle urne in questo momento. Il #Pd continua a perdere consensi e l'emorragia non si ferma soprattutto perchè a Roma tra Mafia Capitale e il consenso ai minimi di Marino il Partito Democratico crolla ai minimi termini. Bene Lega e #M5S che cavalcano l'onda e aumentano i loro consensi.

Ultimissimi Sondaggi Politici 2015, i dati aggiornati, M5S e Lega su, Pd giu

Vediamo allora le intenzioni di voto riportare dall'ultimo sondaggio elettorale di SWG, con il primo grande sconfitto che è il PD.

Pubblicità
Pubblicità

E' vero che le percentuali sono ancora alte, ma la discesa iniziata qualche mese fa non sembra fermarsi con il Partito Democratico attestato al 35% con un calo del 2,5% rispetto alle rilevazioni pre elezioni regionali. Punti che guadagna invece il Movimento 5 Stelle che passa dal vecchio 18,2 all'attuale 20,7% confermandosi il secondo partito in Italia. Bene anche la Lega Nord di Salvini, dopo la campagna mediatica del suo leader: dal 13,9 al 16,1 dei consensi. Rimane invece stabile al 13,9 Forza Italia, probabilmente trascinata da Toti e dalla sua vittoria, che ha evitato un ennesimo calo nei voti. Tra i partiti Minori il NCD è dato al 3%, Sel al 3,4% e Fratelli d'Italia al 4%.

Sondaggi Politici elettorali 2015 per Roma, il PD scende al 17%

Continuando nei nostri sondaggi, c'è un dato clamoroso che riporta Il Giornale in riferimento ad un sondaggio pubblicato sul sito affariitaliani.it. A Roma, stando a queste rilevazioni di voto il PD si ferma ad un misero 17%, praticamente la metà dei consensi che prenderebbe il M5S dato addirittura al 30%.

Pubblicità

Evidentemente l'appoggio del PD al sindaco Marino, ribadito nuovamente in questi giorni, non ottiene consenso. Solo le dimissioni dalla carica potrebbero dare nuovo respiro al PD a Roma, ma per il momento questa ipotesi non sembra realistica. La strada delineata è quindi quella di tenere duro fino al 30 luglio 2015, quando arriverà la decisione del Prefetto Gabrielli che deciderà se sciogliere il Consiglio Comunale. Intanto per esser aggiornati con i prossimi sondaggi politici del 2015, potete cliccare segui in alto e se volete farci sapere il vostro commento qui sotto.