Possono rappresentare la conseguenza del flop ingoiato alle Regionali oppure essere il preludio ad un cambiamento più profondo: stiamo parlando degli ultimi #Sondaggi politici aggiornati ad oggi 9-06 che fotografano una realtà post Elezioni Regionali in profondo divenire. Il PD di Renzi e la fiducia al governo retto dall'ex sindaco di Firenze continuano a scendere laddove invece salgono i consensi a M5S e Lega Nord. Un'altalena che può costituire la base per un radicale cambiamento futuro e che deve essere tenuta in grande considerazione dall'ex rottamatore. Si perché lo strappo interno al #Pd con la minoranza dem rischia di allargarsi ulteriormente con conseguenze incalcolabili in termini di governabilità del paese.

Dati ultimi sondaggi politici oggi 9 giugno: Renzi e PD crollano, effetto Regionali o qualcosa in più?

A finire nel mirino degli ultimi sondaggi politici relativi ad oggi 9 giugno l'andamento di PD, M5S, Lega Nord e Forza Italia che evidenziano trend diversificati e piuttosto interessanti. Partendo dai dati dell'istituto Ixè il PD risulta a quota 35% in calo dello 0,4%, con il M5S a guadagnare invece l'1,3% portandosi al 21,2% totale. Buona la crescita della Lega Nord che grazie ad un più 1,1% sale al 14,9%, pessimo l'andamento di Forza Italia ormai sprofondato al 10,1%. Scende infine al minimo storico la fiducia nel governo Renzi (28% totale), andamento simile per la fiducia nel Premier ferma a quota 33% in calo di 3 punti percentuali rispetto a inizio maggio. Molto simili le proiezioni diffuse dall'istituto Swg: il PD risulta in calo del 2,5% con il M5S a salire invece del 2,3%. Se è vero che il gap tra le due formazioni è ancora ampissimo d'altra parte appare innegabile come il PD e la fiducia a Renzi continuino a scendere ormai da mesi. Tra i problemi che affliggono il Premier troviamo senz'altro la spaccatura intestina al PD che rischia di costare cara: 'Renzi può arrivare al 2018 - ha dichiarato a Repubblica l'ex capogruppo alla Camera e membro PD Roberto Speranza - solo se fa il contrario di quello che ha fatto negli ultimi mesi e cioè con un deciso cambio di rotta, cancellando l'idea del partito della Nazione, cambiando su scuola e riforme, andando dritto sui diritti civili […] La priorità politica è costruire un PD che sia e resti il grande soggetto del centrosinistra […] Va scongiurata definitivamente l'ipotesi del partito della Nazione in cui scompaiono i confini tra destra e sinistra'. Nonostante sia alle prese con questioni delicate quali la riforma della previdenza o quella della Scuola Renzi dovrà dunque cambiare atteggiamento, ne va della sopravvivenza stessa del suo governo. E Voi che cosa ne pensate? Credete che i dati relativi al PD siano frutto del cattivo risultato ottenuto alla Regionali o al contrario pensate che ci si trovi davanti ad un cambiamento strutturale? Dateci un giudizio commentando il pezzo qui sotto! Se desiderate rimanere aggiornati sulle future proiezioni vi invitiamo a cliccare il tasto 'Segui' in alto a destra.



#Matteo Renzi