"Quello che sta vivendo il popolo greco è esattamente quello che abbiamo vissuto noi argentini nel 2001: le terribili conseguenze delle politiche, i tagli neoliberali che hanno portato alla povertà, alla fame e alla disoccupazione ", ha detto Cristina Kirchner in un'intervista trasmessa dalla televisione pubblica argentina .



"Oggi, il 60% dei giovani greci non ha un posto di lavoro, il 30% dei cittadini della Grecia siederà a lume di candela per ridurre il costo dell'energia elettrica, oggi per strada ci sono persone alle quali sono state tagliate le pensioni, eccezione delle spese militari: l'FMI non ha mai chiesto dei tagli alle spese militari", ha detto.



L'Argentina si è dichiarata impossibilitata di pagare nel 2001 il debito privato di quasi 100 miliardi di dollari.

Pubblicità
Pubblicità

Due ristrutturazioni del debito una nel 2005 e l'altra nel 2010 hanno permesso al Paese di beneficiare di una riduzione del 93% dei creditori privati. Persiste un conflitto, tuttavia, tra Buenos Aires e i detentori del restante 7% del debito, in particolare i fondi finanziari Elliott e NML Capital Management, che hanno contestato alla giustizia americana il comportamento dello stato.



L'Argentina ha già vissuto questa situazione e come si può vedere in questo momento, gli hedge fund stanno aspettando che lo stesso accada con la Grecia per iniziare a derubarla, come hanno fatto in altri luoghi del mondo ", ha detto il capo del governo e l'argentino Anibal Fernandez. A suo parere, la crisi greca "è stata innescata dalle regolazioni FMI" e uno dei fondi "falchi" è Elliott, che dal dicembre 2013 acquista titoli greci, nella speranza che la Grecia si trovi in difficoltà o che cada in ginocchio per iniziare a divorarla, come fanno i fondi con i singoli paesi che si trovano in questa situazione.

Pubblicità

"



Secondo Anibal Fernandez, il primo ministro greco Alexis Tsipras "si è trovato in una situazione molto complicata fondamentalmente senza speranza", con l'arrivo al potere del partito Syriza, l'estrema sinistra, all'inizio dell'anno. #Unione Europea