In un'intervista rilasciata alla rivista Stern, il leader del Partito Socialdemocratico Tedesco (SPD) Sigmar Gabriel, Ministro dell'Economia della Germania, ha espresso aspre critiche verso il primo ministro greco AlexisTsipras.

Il leader SPD Sigmar Gabriel ha per la prima volta ammesso che è stato un errore di consentire alla Grecia di entrare nella zona euro. "L'ingresso della Grecia nell'euro è effettuata dal punto di vista di oggi, molto ingenuo", ha detto Gabriel in un'intervista. "Peggio è che tutti hanno guardato troppo a lungo", come questo paese è sceso sempre più profondamente in crisi - ha aggiunto il Vice-Cancelliere.

Pubblicità
Pubblicità

L'inclusione della Grecia nel unione monetaria aveva segnato significativi progressi nella precedente governo SPD-Partito dei Verdi di Gerhard Schröder.

La lezione del declino della Grecia sembra aver insegnato a Gabriel come "mai distogliere lo sguardo se un paese non rispetta le regole del gioco in Europa." E questo non si applica solo a questioni finanziarie. "Non dobbiamo distogliere lo sguardo quando le regole democratiche in Europa sono deteriorate in Ungheria. Oppure, se in UE, popolazioni di alcuni paesi, come Sinti e Rom, sono discriminate così forte che la loro unica via è quella di fuga", ha detto Gabriel.

Il presidente SPD ha anche chiarito per la rivista Stern che potrebbe immaginare una riduzione del debito, se ci fosse la volontà di riformare il governo greco. "Se ci limitiamo semplicemente a diminuire il debito, senza cambiamenti radicali in Grecia, nulla è vinto", ha detto Gabriel.

Pubblicità

"La possibilità di ridurre il debito avverrà solo se il governo greco indicherà una forte volontà di attuare delle riforme." Ma il leader del SPD si mostra sicuro: "alla fine troveremo una via d'uscita dalla crisi in Grecia".

"Tsipras non ha capito che l'unica ad affrontare le spese sarà la Grecia. Ed è quello che succede adesso." Il ministro Gabriel ha anche provato comprensione per la popolazione greca e ha mostrato interesse per i programmi di aiuto umanitario, in caso di un fallimento del paese, ma "non dobbiamo farci carico per le stupidità del loro governo".

La Germania non teme conseguenze economiche, ha detto Gabriel. "La zona euro è forte e stabile, non abbiamo preoccupazioni." "Sebbene la Grecia era importante, considerando gli altri problemi e tali negoziati infiniti", questo sforzo sarebbe meglio investirlo per l'Ucraina o per il dramma dei rifugiati in Europa. In questo contesto, il Vice-Cancelliere ha criticato fortemente quei paesi dell'UE che si rifiutano di accogliere i rifugiati. "L'Europa non è soltanto per il bel tempo, dove poter prendere dei soldi, ma schivarsi quando si tratta di prendersi le responsabilità. Abbandonare i valori dell'Europa sarà 'più costoso di qualsiasi altra cosa", ha detto Gabriel letteralmente. #Unione Europea