Gli attacchi diretti contro i civili sono presenti in quasi tutte le guerre civili, che diventano scenari ideali per gli attacchi terroristici indiscriminati e la pulizia etnica.

Tradizionalmente, questi attacchi sono stati giustificati dal contributo della popolazione allo sforzo bellico e nell'uso che ne fanno le insurrezioni cercando di sopravvivere confusi tra di loro e a loro spese. Tuttavia, oggi l'aggressore cerca di condizionare principalmente l'opinione dei cittadini e di esercitare una pressione insormontabile sui loro leader politici. In altre parole, nei conflitti armati di oggi continuano ad essere più mirata, più per la sua influenza politica che per il suo sostegno efficace le operazioni civili.

Pubblicità
Pubblicità

Ciò è stato compreso dai serbi quando hanno intrapreso una capillare pulizia etnica in Kosovo e ora lo hanno capito nello Stato Islamico (Daesh).

La strategia contro i civili

Lo Stato islamico persegue una strategia coerente di repressione dei civili, attaccando la popolazione non combattente con attacchi sistematici e programmati nel tempo per raggiungere obiettivi politici. Si tratta, quindi, di una decisione politica che non ha nulla a che fare con la cosiddetta garanzia di attacchi non coordinati e casuali. In questo senso, la repressione non è un impulso irrazionale, ma una decisione strategica al fine di conquistare e controllare il territorio.

La percezione soggettiva di un gap culturale insormontabile fa diventare gli oppositori dello Stato Islamico individui nefasti che dovrebbero essere puniti anche con la morte.

Pubblicità

La violenza in questo caso ha la sua origine in disprezzo, rancore e vendetta, quindi le forme sofisticate di accompagnamento di sofferenza. In realtà si tratta di un problema di identità, dal momento che la vittimizzazione è più accettabile quando si identifica il nemico con una società malvagia e crudele, demonizzato per le sue differenze culturali e religiose. Così lo Stato Islamico ha bisogno di creare un modello sociale di identità antagoniste e incompatibili, distorcendo la realtà, se necessario.

L'ultima condizione è il corso strategico che permetterebbe allo Stato Islamico raggiungere i loro obiettivi politici ad un costo accessibile. Uno dei vantaggi strategici è quello di spezzare la volontà della popolazione attraverso il terrore, sia nei territori occupati, al fine di evitare ogni accenno di difesa sociale, che all'estero, annullando il sostegno popolare per i suoi nemici e raggiungendo la autocensura dei media. L'altro deriva vantaggio strategico della paura di affrontare coloro che non esitano a mutilare, schiavizzare o uccidere.

Pubblicità

Un esercito attanagliato dalla paura perde la sua capacità di combattere e diventa realizzabile, come è stato trovato a Mosul e Ramadi. Con queste apparentemente semplici conquiste, lo Stato islamico vuole mostrare la sua presunta superiorità sugli infedeli e coloro che non difendono i suoi principi con la stessa veemenza. Tuttavia, affinché il timore abbia effetto nella popolazione è essenziale diffondere le azioni violente nel più brutale modo possibile, attività cui lo Stato islamico ha coscienziosamente implementato.

In breve, la strategia dello Stato Islamico fornisce il dominio di un area geografica (Califfato) e la successiva espansione territoriale. #terrorismo #Medio Oriente #Isis