Secondo Matteo Renzi gli italiani non devono temere la crisi della Grecia. Ad affermarlo è lo stesso presidente del Consiglio che, nel corso di un'intervista rilasciata al Tg5, ha dichiarato che gli italiani non dovrebbero assolutamente aver paura di incorrere, per via della grave #Crisi economica che attanaglia il Paese, nello stesso destino dei cugini ellenici.

Ecco perché gli italiani non dovrebbero aver paura della crisi greca

Nella fattispecie, secondo il Primo Ministro italiano, le due Nazioni, contrariamente a quanto accadeva in passato, adesso non sono più compagne di sventura, e l'Italia, adesso, è abile nel risolvere i problemi degli altri Paesi.

Pubblicità
Pubblicità

Così, sottolineando il fatto che il referendum greco non avrà alcuna ripercussione sulla nostra Nazione, #Matteo Renzi ricorda a tutti che: mentre fino a 3-4 anni fa Grecia e Italia rappresentavano entrambe un problema per l'Europa intera, oggi non è più così. Infatti, secondo il Premier fiorentino, l'Italia si pone dalla parte di chi i problemi li risolve, e non dalla parte di chi i problemi (proprio come sta facendo la Grecia) li crea.

L'Italia che riparte

Anzi, spiega ancora, grazie alla crescita economica avvenuta negli ultimi tempi, la nostra Nazione è addirittura in grado di aiutare, finanziariamente parlando, la nostra vecchia mamma Grecia. Insomma, secondo il nostro Primo Ministro, l'Italia è ad un passo dal risolvere i suoi problemi economici, dall'uscire, lasciandosela definitivamente alle spalle, da quella crisi che negli ultimi anni non ha fatto altro che attanagliarci portandoci, quasi, all'orlo del fallimento.

Pubblicità

Ma bisogna ancora restare calmi, sottolinea Renzi: "non c'è ancora nulla da festeggiare". Per quanto l'Italia stia ripartendo, rimangono ancora altre delicatissime questioni da risolvere quali: Whirlpool, Ilva e Monfalcone. Problemi che non possono assolutamente essere trascurati, e che secondo il Premier andrebbero risolti nel più breve tempo possibile, per poter finalmente dire che l'Italia, questa volta sì, è fuori dalla crisi. #Unione Europea