Continua la discussione in Parlamento su come dovrebbe essere affrontata la riforma sulla giustizia, relativamente al tema dell'indulto e dell'amnistia. Nelle aule parlamentari si parla insistentemente delle quattro proposte di legge che dovrebbero modificare radicalmente il sistema carcerario italiano. Queste norme hanno lo scopo di affrontare molti dei problemi che dovranno essere risolti nel più breve tempo possibile. Tra questi, quello del sovraffollamento carcerario e delle condizioni igienico-sanitarie in cui versano le celle di molte strutture penitenziarie.

Tentativi di suicidio in alcuni penitenziari italiani

In questi ultimi giorni, sono giunte notizie che hanno evidenziato alcuni tentativi di suicidio avvenuti in diversi penitenziari italiani.

Pubblicità
Pubblicità

Basti ricordare quello che è accaduto nel carcere romano di Regina Coeli, con due detenuti che, a distanza di poche ore uno dall'altro, hanno mostrato il loro disagio sociale cercando di togliersi la vita. In altri penitenziari, sono stati riportati, invece, delle tentate aggressioni nei confronti di agenti di polizia penitenziaria, segno che bisognerà intervenire quanto prima per la risoluzione dell'emergenza carceraria che rimane un problema da affrontare con una normativa seria.

Capece: 'Oltre 250 aggressioni nei confronti di agenti di polizia penitenziaria'

Nonostante queste notizie, che giungono dagli organi di stampa, il #Governo Renzi non sa ancora come intervenire sulla questione. Nel frattempo, il segretario del Sappe, il sindacato della Polizia Penitenziaria, Donato Capece, ha sottolineato che 'dal primo gennaio di quest'anno, sono stati molti gli episodi gravi che hanno colpito gli agenti della polizia penitenziaria; oltre 250 aggressioni nei loro confronti che, in diversi casi, hanno provocato feriti in alcuni penitenziari italiani.

Pubblicità

Tutto questo è inaccettabile'. Proprio qualche giorno fa, un detenuto del carcere di Venezia ha aggredito un agente, in servizio nel penitenziario stesso, strappandogli con un morso il dito di una mano, così come riportato sul sito internet del quotidiano ilgazzettino.it. #amnistia #indulto