E' un personaggio a tutto tondo ormai il senatore Antonio Razzi di Forza Italia (ex Italia dei valori), una star della televisione (in gran parte anche grazie alle esilaranti, ma realistiche imitazioni di Maurizio Crozza) che del politoco sembra avere ben poco (se non il lauto stipendio accompagnato da rimborsi, indennità varie ed un futuro abbondante vitalizio), così quando si tratta di fare un po di show e magari di spararla grossa, non ha problemi, come è accaduto anche questa volta.

L'episodio a cui si fa riferiemnto è avvenuto durante la trasmissione In Onda di La7 a cui Razzi ha partecipato e dove non si è trattenuto dall'intervenire, ovviamente alla sua maniera, su vari temi dell'attualità politica, come ad esempio quello potenzialmente scottante rigaurdo alla "rabbia" che il popolo nutre verso la classe politica in virtù degli altissimi stipendi percepeti.

Pubblicità
Pubblicità

Proprio in relazione a questo ultimo argomento, a cui il Governo non sembra essere in grado di intervenire con efficacia, il senatore abruzzese ha detto la sua, quando uno dei due giornalisti e conduttori del programma gli ha chiesto se non si sentisse un po in colpa a percepire così tanti soldi (pagati dai contribuenti italiani) o se quantomeno non li ritenesse troppo elevati. Ebbene, a questa domanda Antonio Razzi ha tranquillamente risposto "te lo dico da amico, da quando sono senatore sono molto più stanco rispetto a quando facevo l'operaio in Svizzera, quindi la paga è giusta".

Successivmante l'altro giornalista, probabilmente interdetto da tali affermazioni cerca di far comprendere al senatore che la gente quasi certamente non gradisce quanto appena detto, ma Razzi con la stessa calma olimpica replica: "da senatore non ho mai tempo libero, almeno da operaio me ne andavo a giocare a tennis dopo il lavoro e mi sentivo in forma".

Pubblicità

Insomma, cosa si può dire di questo atteggiamento spavaldo di fronte ad eventuali critiche? Ad ognuno le sue valutazioni, intanto ecco il video con le dichiarazioni schock di Razzi:

#Governo #Pd #M5S