La legge del 2014 parla chiaro: a partire dal 2017 i partiti dovranno fare a meno dei rimborsi elettorali e da quel momento finanziarsi solo con il 2X1000 o con donazioni private. Fino a quella data però potranno ancora contare sul finanziamento pubblico ai partiti a patto che i rendiconti inviati dai tesorieri ottengano il nulla osta della commissione di garanzia controllo e trasparenza. Detta più semplicemente i partiti prendono i soldi dallo Stato solo se i bilanci risultano in regola dopo una dettagliata verifica di entrate e uscite, spesa per spesa e scontrini alla mano.

Il testo di legge Boccadutri

Succede però che il lavoro che la commissione deve affrontare è immenso, con 48 partiti da controllare e 5 addetti alla supervisione in tutto.

Pubblicità
Pubblicità

Così la revisione, nonostante l'appello lanciato già un anno fa, non si può fare. La commissione allora chiede ma non ottiene un rinforzo del personale, è il 30 giugno: getta la spugna! Con i partiti sull'orlo del fallimento la tentazione di molti a questo punto è di ignorare la legge è distribuire quindi i soldi ugualmente alle formazioni politiche, anche in assenza di controllo. Ma da una veloce verifica viene fuori che proprio non si può fare e allora prende vita il testo legislativo Boccadutri, che tra emendamenti aggiunti e modifiche in aula, stabilisce che non sono più necessarie le verifiche dettagliate delle spese (quelle con gli scontrini) e che ai partiti per avere il rimborso basterà la semplice regolarità del bilancio.

Finanziamento mai eliminato!

Ma non finisce qui! Visti i tempi ristretti, il testo decide anche che per i rimborsi 2013, la scadenza di presentazione dei bilanci è a 30gg dall'approvazione della legge, passati i quali, i soldi arriveranno comunque, salvo poi sanzioni successive.

Pubblicità

Il documento legislativo viene votato alla Camera che lo approva con 319 si, 28 astenuti (tutti di Sel) e 88 no (quelli espressi dal Movimento 5 stelle) e così sono liberi 45 milioni di euro per i partiti. Le delibere portano nelle casse dei partiti un bel po' di milioni: 8 al #Pd, 6 a Forza Italia, più di uno a Scelta Civica e una successione di dubbi da sciogliere! È giusto, dopo aver subordinato i rimborsi ad una legge sulla trasparenza dei conti, concederli grazie ad una nuova legge che di fatto attenua se non addirittura annulla i controlli? Dopo che gli italiani con il referendum del 1993 hanno abolito il finanziamento pubblico ai partiti, è normale che se lo ritrovino ancora sotto forma di rimborsi? #Camera dei Deputati #M5S