Dopo la pausa estiva, in Commissione Giustizia al Senato, è ripresa la discussione sulla riforma della Giustizia, relativamente al tema dell'indulto e dell'amnistia. Ricordiamo che, nei mesi scorsi, è stato presentato un Disegno di Legge con il quale si cercherà di migliorare le condizioni di vita nelle carceri italiane. Nei giorni scorsi, si è svolto un incontro molto importante tra il ministro Andrea Orlando e i direttori delle strutture penitenziarie.

Incontro tra il ministro Orlando e i direttori dei penitenziari italiani

L'incontro è stato fondamentale per parlare delle gravi problematiche che affliggono le carceri italiane, anche perché si è svolto all'indomani delle parole del Papa sulla concessione di un atto di clemenza per la popolazione carceraria.

Pubblicità
Pubblicità

Tra i vari problemi ricordiamo quello relativo alle condizioni igienico-sanitarie in cui versano alcuni istituti. Da un'indagine effettuata nei mesi scorsi, si è evidenziato che 2 detenuti su 3 hanno contratto malattie più o meno gravi. Ma non c'è solo questo nella grave situazione delle carceri di casa nostra. E' arrivata, in queste ore, una notizia sull'ennesimo suicidio avvenuto in una struttura di pena. Nel carcere Pagliarelli di Palermo, una donna ucraina di 58 anni dopo pochissimo tempo dal suo ingresso nella propria cella, si è impiccata alle sbarre della stessa.

Un altro suicidio avvenuto in una delle carceri italiane

Giungono molte critiche a seguito di quanto accaduto. Donato Capece, segretario del Sindacato SAPPE evidenzia che 'la donna è entrata in carcere per spaccio di droga alle 3 di notte, nonostante le disposizioni dicono che nessuno deve entrare nei penitenziari nelle ore notturne'.

Pubblicità

Per dovere di cronaca, si specifica che il suicidio è avvenuto una settimana fa, ma solamente in queste ore se n'è avuta notizia. Secondo Capece, il suicidio di Palermo è il 31esimo dall'inizio dell'anno e il nono negli ultimi 40 giorni. Una situazione drammatica, a dispetto di quanto è stato detto dal Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, che ritiene terminata l'emergenza carceraria in Italia. Proprio la carenza di personale addetti alla sicurezza dei penitenziari è un altro di quei problemi che dovranno essere risolti nel più breve tempo possibile. #amnistia #indulto #cronaca nera