A seguito della diffusione dei dati relativi alla stima del prodotto interno lordo nel nostro paese e ai dati sulla #Disoccupazione, generale e giovanile, che fanno registrare un segnale leggermente positivo, il presidente del consiglio #Matteo Renzi ha "esultato" per questi dati in un videomessaggio.

L'istituto di statistica ha, in effetti, modificato al rialzo le stime di crescita del PIL, nel primo trimestre 2015 allo 0,4% (rispetto ad un precedente 0,3%), mentre nel secondo trimestre l'aumento stimato è dello 0,3% (contro lo 0,2% precedentemente ventilato), quindi lo 0,7% stimato dal #Governo per l'intero anno in corso dovrebbe essere centrato senza problemi.

Pubblicità
Pubblicità

Non è tutto, infatti di pari passo con questi dati, ne sono stati diffusi altri secondo cui la disoccupazione sarebbe scesa al 12%, con uno 0,5% in meno rispetto a giugno, con gli occupati saliti a quota 44.000 ed il tasso di disoccupazione giovanile sceso al 40,5% (dato comunque ancora preoccupante).

La reazione del premier Renzi ai dati

Come accennato in precedenza, la reazione di Renzi a queste novità non si è fatta attendere, infatti, il leader del PD e primo ministro ha voluto esternare la propria soddisfazione per questo segnale che mostra un'inversione di tendenza. Il suo messaggio sui social network Twitter e Facebook è piuttosto chiaro: "Cresce il pil, crescono gli occupati, meno disoccupazione. Le riforme servono #italiariparte #lavoltabuona", con tanto di videomessaggio allegato.

Pubblicità

Proprio in questo video, che ha già scatenato le reazioni delle opposizioni indignate di fronte a così tanta soddisfazione per pochi punti decimali di crescita, il Premier riafferma come le riforme abbiano aiutato a far rientrare l'Italia nel gruppo dei migliori, usando una metafora ciclistica e, per restare in tema sportivo, si spinge a dire che ora vorrebbe vedere l'Italia in "maglia rosa" nell'Unione Europea e che per riuscirci spera nell'aiuto di tutti.

Ecco il video messo in rete da Palazzo Chigi che racchiude tutto quanto descritto in precedenza: