Dopo la pausa estiva, sono ripresi a pieno regime i sondaggi politici ed elettorali. Sono di un paio di giorni fa, le intenzioni di voto degli istituti Ipr e Tecnè, presentate nel programma tv Porta a Porta condotto da Bruno Vespa, il 14 settembre 2015. Entreremo successivamente nel dettaglio, anticipandovi che il #M5S ha ormai superato la percentuale di consensi ottenuta alle Elezioni Politiche 2013, raggiungendo i massimi storici.

Al contrario, il #Pd ha perso circa il 10% rispetto al notevole risultato delle europee 2014. I due partiti politici italiani con più elettorato, si avvicinano costantemente,e adesso il gap è così ridotto, da far pensare che una buona fetta di italiani, che aveva votato Renzi, si stia ricredendo a favore del M5S in parte, e probabilmente aumentando la grande fetta degli astenuti o indecisi.

Pubblicità
Pubblicità

Lega Nord e Forza Italia, si sale o si scende?

Grillo può ritenersi soddisfatto della sua creatura, ma anche degli esponenti politici del Movimento, Di Maio su tutti, che stanno portando avanti una politica non solo di protesta, ma di proposte concrete.che incontrano, evidentemente, le esigenze e richieste dell'elettorato. Ma se i sondaggi elettorali Ipr e Tecnè, concordano nel trend delle suddette forze politiche, non accade altrettanto, per la Lega Nord e Forza Italia. Divergenza di tendenza anche per Fratelli d'Italia-An, coerenza invece su SEL e NCD+UDC. Ma insomma, quali sono le stime elettorali, e le variazioni percentuali, rispetto ai dati forniti circa 2 mesi fa?

Secondo i sondaggi elettorali IPR, il PD con il 31,5%, è in calo dello 0,5%, mentre il M5S al 26,0%, cresce addirittura del 2%.

Pubblicità

Scende al 14,0% la Lega Nord, in ribasso di mezzo punto, in rialzo Forza Italia dell'1,0%, che sale ad un modesto 11,0%. In arretramento invece, il partito della Meloni, molto vicino alle idee di Salvini, che scende al 4,0%, in calo di 1 punto. Stabile NCD-UDC che affianca SEL al 3,5%, ma solo perchè quest'ultimo perde lo 0,5%. 

I sondaggi elettorali Tecnè, stimano il PD al 32,0%, in calo di mezzo punto, e il M5S al 27,0%, in crescita dell'1,5%. Qui, invece, allarga la forbice tra Lega e Forza Italia, il partito ormai allo sbando di Berlusconi, perde l'1,0% scendendo al 12,0%, con la Lega Nord che guadagna 1 punto, e sale al 15,5%. Indicazione al 4,0% per FDI-AN, stabile, e anche per SEL,, in discesa però, dello 0,5%. Ferma al palo Area Popolare (Alfano-Casini), al 3,5%.  

Gli italiani diffidenti con gli immigrati

Una fetta maggioritaria dei cittadini del nostro Paese, ha paura del fenomeno immigrazione. Lo dichiara il 65% deglii ntervistati da IPR, e il 73% da Tecnè. Rispettivamente, non lo temono, il 28 e 24%. Non si esprimono il 7 e il 3%. Ma cosa rispondono gli italiani, sulla possibilità di ospitare degli immigrati? Contrari (69% e 74%), non può il 16% (solo per IPR), E si li si interroga sull'ospitarne a casa, uno o più, o ancora una famiglia intera, le percentuali sono bassissime, nel migliore dei casi arrivano all'8%.  #Sondaggi politici