Ecco gli ultimi #Sondaggi politici da parte di due società sondaggistiche molto quotate e accreditate del panorama italiano. Diverse le novità da analizzare, con alcune sorprese importanti. Segnaliamo la grave crisi del partito di #Silvio Berlusconi che continua a segnare il passo nei confronti di un panorama politico italiano che vede altri partiti del centrodestra consolidare la propria posizione di leadership della coalizione.

Calano anche le quotazioni del Pd di Matteo Renzi

Il Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo invece continua la sua lenta ma inesorabile crescita, consolidando la propria posizione di seconda forza dello scenario politico italiano, segue la Lega di Matteo Salvini che continua a riscuotere numerosi consensi come si evince dalle ultime intenzioni di voto rilevate.

Pubblicità
Pubblicità

Vediamo insieme nei particolari i risultati dei sondaggi politici riportati dalle agenzie Datamedia e Demos. La prima segnala il Pd al 32,8%, primo partito italiano ma con un calo rispetto ai precedenti sondaggi dello 0,7%, a seguire il Movimento Cinque Stelle di Grillo che cresce dello 0,5% portandosi al 23,8%; in terza posizione la Lega con il 15,7%, in crescita dello 0,1%.

Seguono Forza Italia con l'11,3% dei consensi, in calo dello 0,2%; Fratelli d'Italia che si attesta al 3,8%, Sel di Vendola al 3,7% e Ncd di Alfano al 2,5%. Preoccupante il numero degli astenuti e degli indecisi, rispettivamente al 34,6% e al 17,7%, troppi per un paese che culturalmente si è sempre ben distinto e che ora pare andare verso la deriva.

La situazione del PD secondo Demos

Secondo la società Demos invece il Pd cala fino al 33,1% con un calo di ben un 1,1%, segue il M5S al 26,7% con una crescita dello 0,6%, stabile la Lega di Salvini al 14,0%; cala in maniera netta ed eclatante Fi che si ferma all'11,4% registrando una una perdita del 2,8%. Sel invece cala dello 0,7% e si ferma al 4,5%, FdI del segretario Giorgia Meloni cresce dello 0,2% e arriva al 3,5%, mentre il partito di Alfano l'Ncd si attesta al 2,7% perdendo ben lo 0,8%.

Pubblicità

#Matteo Renzi