In migliaia alla festa del Movimento 5 Stelle al grido di 'Onestà, onestà'. Italia 5 Stelle, manifestazione nazionale del #M5S, si conclude  dopo l'intervento di tutti i big che si sono avvicendati sul palco da Grillo a Casaleggio da Dario Fo, premio nobel per la letteratura, a tutti gli altri artisti che hanno aderito gratuitamente all'iniziativa. E il M5S intanto nei sondaggi avanza mentre il Pd sembra segnare il passo. Mai sono stati così vicini nei sondaggi.

Siamo come una finanziaria, riportiamo bilanci in attivo

"Siamo come una finanziaria, noi riportiamo i bilanci in attivo. Mettiamo persone perbene dove prima c'erano ladri. Dove governiamo noi il debito è sceso".

Pubblicità
Pubblicità

#Beppe Grillo è un fiume in piena a margine della manifestazione nazionale del suo movimento all'autodromo di Imola parlando con i giornalisti. Per loro però non manca una stoccata: 'State facendo una campagna disonesta - ha detto il leader del M5S - Non è vero che non sono capaci (i sindaci del M5S n.d.r.). Dove governiamo noi nei Comuni il debito è sceso. A Pomezia il bilancio va in attivo per la prima volta". Tra le cose dette dal palco anche quanto realizzato dai rappresentanti del M5S come ad esempio via Dell'Onestà in Sicilia: l'unica risposta concreta dopo il crollo di alcuni piloni del viadotto Himera sull'autostrada Catania-Palermo. La strada è stata realizzata e messa in sicurezza con i soldi accantonati dall'appannaggio mensile dei deputati regionali siciliani del M5S.  O come nel caso delle azioni intraprese contro Equitalia in aiuto dei cittadini che si ritengono vessati dall'ente nazionale di riscossione o della petizione avviata per chiedere la diminuzione delle tasse universitarie.   

Grillini sotto il palco al grido di 'Onestà'

"Onestà, onestà", è stato questo lo slogan gridato per due giorni dai simpatizzanti ed iscritti del M5S da sotto il palco, dal quale si sono succeduti tutti gli intervenuti.

Pubblicità

In migliaia hanno scandito lo slogan applaudendo ripetutamente Grillo, Casaleggio e tutti gli altri. Insomma il M5S chiede la fiducia degli elettori e lo fa in maniera esplicita con l'arma delle semplicità ma sopratutto della  correttezza.   "La cosa che vogliamo fare - ha detto Beppe Grillo in occasione della cena che ha preceduto la manifestazione di Imola - è inserire una figura stranissima per questa gente (i vecchi politici n.d.r.) che porterà sconcerto: l'onesto. Se noi ci riusciamo abbiamo fatto la più grande rivoluzione politica di questo secolo'. 'La disonestà' - ha aggiunto Beppe Grillo - 'in questo Paese costa 100 miliardi: con l'onestà noi facciamo la finanziaria'.  Insomma da Imola è partita la marcia grillina verso le elezioni amministrative di primavera. I sondaggi fanno ben sperare, anche a Roma dove il M5S rischia di sbaragliare tutti raggiungendo il 40% dei consensi. #Governo