#Papa Francesco sta davvero male oppure siamo di fronte ad un tentativo di attacco verso il pontefice o addirittura di una sua destabilizzazione? Il giallo riguardante la notizia della sua malattia, tra smentite e conferme, continua a tenere banco e, in attesa di saperne di più, ci si chiede cosa stia, in realtà, succedendo. 

Secondo la versione di tre quotidiani, il Papa sarebbe stato visitato da un medico giapponese. Si è parlato di un'ombra rilevata nel cervello, ma sembrerebbe esclusa l'ipotesi di un tumore anche se questo fosse di natura benigna. Si è pure parlato di un angioma ma anche in questo caso il Vaticano ha smentito.

Pubblicità
Pubblicità

Papa Francesco, il giallo della malattia e il mistero della scatola bianca

Sta di fatto che ultimamente nello Stato più piccolo al mondo si respira aria avvelenata. Non per nulla, Papa Francesco ha cercato di placare i 'gossip' e le maldicenze filtrate nelle ultime settimane, etichettandole come 'Frutto del demonio'. Perchè così tanto accanimento nei confronti del pontefice?

La chiave potrebbe trovarsi in una scatola bianca, conservata da Papa Francesco nella sua cassaforte privata. Si tratta di una piccola scatola di legno (dimensioni 35x45) il cui contenuto potrebbe essere più devastante dello scoppio di una bomba atomica. 

In quella scatola è contenuto il dossier riguardante le indagini svolte da tre cardinali 'investigatori' che hanno ascoltato (sotto segreto della confessione) monsignori, funzionari e alti prelati.

Pubblicità

Insomma, lì dentro sono custoditi pettegolezzi, storie di carriere rovinate e cordate segrete: il tutto raccolto da Papa Ratzinger, ai tempi di Vatileaks, e illustrato al suo successore con dovizia di particolari.

Giallo malattia Papa Francesco: una congiura nei suoi confronti? 

Papa Bergoglio, vittima di una nuova congiura come avvenne con Benedetto XVI? L'Osservatore Romano ha parlato di 'manipolazione studiata': è possibile che ci troviamo di fronte ad un nuovo attacco alla figura del papa, prima con i veleni che hanno accompagnato il Sinodo sulla Famiglia, poi con la strana storia del tumore.

L'impressione è che si siano mossi gli stessi meccanismi ostili di tre anni fa: nemici che si muovono dietro le quinte per cercare di fermare l'azione riformatrice portata avanti da Papa Bergoglio. Macchinazioni da parte di personaggi appartenenti alla visione ultraconservatrice della Chiesa Cattolica e che mal digeriscono la nuova apertura di pensiero di Papa Francesco: di certo, un pontefice malato diventerebbe automaticamente un Papa da sostituire.