Il Premier ha manifestato la volontà di portare il limite contante da mille euro a tremila euro: un salto di ben duemila, che totalizza la possibilità di usare denaro contante anche per depositi del triplo rispetto ad ora. Nessuna preoccupazione secondo il Premier poiché la somma non è elevata come sembra ed il denaro è perfettamente rintracciabile.

Renzi vuole poi proseguire con le pensioni senza lasciare nulla in sospeso: la sua volontà è quella di portare a termine anche il tema sulla flessibilità in uscita entro 90 giorni, ma solo quando avrà dati certi.

Pensioni e lavoro: le prossime mosse di Renzi

Matteo Renzi, dopo la posticipazione della flessibilità in uscita al 2016, puntualizza che non vuole abbandonare lo spinoso tema ma vuole procedere con dati certi.

Pubblicità
Pubblicità

Ribadisce che ha già pronto un accordo con l'#Inps: a breve partirà un grande progetto che coinvolgerà i diretti interessati al fine di non creare problematiche inutili come quelle manifestate in passato dai precedenti governi. Anzi, il nostro Premier assicura che la Legge di Stabilità toccherà molte tematiche che stanno a cuore agli italiani: uno fra tutti il bonus di 80 euro concesso ai dipendenti, Renzi assicura che è ormai un diritto e pertanto non verrà mai revocato. 

Renzi imporrà ai Sindacati e Confindustria di trovare un accordo sui contratti di lavoro e sugli stipendi: è indispensabile offrire tutele ai lavoratori al fine di garantire un salario minimo orario. Il Premier ci tiene a puntualizzare anche che non è fattibile regolare l'importo mensile erogato ai dipendenti sulla base della produttività aziendale e che tutti i lavoratori hanno diritto a percepire uno stipendio dignitoso; se quest'ultimo principio venisse meno si rischierebbe di incorrere in una forma di cottimo usurante.

Pubblicità

Limite contanti: sale a 3 mila euro

Un altro obiettivo di Renzi è quello di portare il limite contanti in linea con al media europea: nel resto d'Europa ed in particolar modo in Francia, tale limite è di 3mila euro e non di mille come in Italia. Il Premier, inoltre, pensa che così si verificherà un aumento dei consumi e che quindi gli italiani si sentiranno più desiderosi di fare acquisti o di concedersi piccoli lussi, come i weekend fuori porta: tutto questo si tradurrebbe in un'economia che ricomincia a girare e quindi ad una crescita del Paese. La lotta all'evasione, secondo il Presidente del Consiglio, non si combatte facendo continue irruzioni nei vari esercizi commerciali con la Finanza, ma permettendo agli italiani maggiore liquidità. Tramite gli strumenti informatici è possibile recuperare molti più dati sull'evasione che in qualsiasi altro modo: questa nuova legge, quindi, prometterebbe solo una maggiore forma di libertà che nulla a che vedere con l'evasione. #Governo #Pensioni